•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 51
  •  
  •  
  •  
  •  
    51
    Shares

La prima nazione ad essersi sbilanciata nel voler fare la sua Cripto Nazionale fu il Venezuela ormai quasi un anno fa. Non è stata l’unica. Ma come si stanno evolvendo?

Il Venezuela aveva previsto di creare la sua Cripto Moneta, coperta dal petrolio nazionale per assegnare un valore abbastanza stabile. Poteva essere una fra le prime Cripto Nazionali.
Il problema era l’interpretazione di questa stabilità: come si sarebbe stimata la quantità delle riserve petrolifere? Siamo sicuri che questo tentativo di ICO non fosse solo un modo per raccogliere denaro internazionale e sanare qualche fetta del debito statale? Ovviamente non potremo forse mai saperlo, ma è un dubbio che non riesco a schiodarmi dalla testa.

Anche l’Estonia aveva iniziato a valutare l’introduzione della sua Cripto Moneta.

Ritengo l’Estonia la patria della residenza digitale, in quanto mediante l’approvazione di qualche documento è possibile risultare residenti in Estonia grazie al progetto di e-residence. Molti marketers stanno proprio seguendo questa strada per trovare magari qualche soluzione fiscale migliore rispetto alla loro nazione d’origine.

Estcoin sarebbe potuta diventare la moneta nazionale. Questa eventualità rimane comunque propria di un futuro non molto prossimo in quanto il presidente della BCE, Mario Draghi, ha ribadito che tutti gli stati membri dell’Unione Europea devono avere l’Euro come moneta. Dunque Estcoin non era accettabile.
Il team di sviluppo aveva previsto lo smart contract di Estcoin finalizzato proprio alla verifica della residenza digitale. Con questo veto dalla Banca Centrale Europea, Estcoin potrà essere utilizzato solo per i pagamenti dei già membri della e-residence.

Anche la Norges Bank, banca centrale norvegese, durante il mese di maggio ha fatto trapelare di lavorare alla sua Cripto Moneta, per dare un’alternativa ai trasferimenti di valute fiat e aumentare la fiducia nel sistema monetario nazionale.

Infine, non poteva mancare la Svizzera, culla europea dello sviluppo delle Cripto Monete, il cui Consiglio Federale sta indagando sulla possibilità di creazione di una Cripto Moneta nazionale. e-franc. A detta di Romeo Lacher, autore dell’analisi di fattibilità e incidenza, e-franc porterebbe notevoli sinergie interne ad esterne alla Svizzera stessa.

Come mai vengono dunque osteggiate le Cripto nazionali centralizzate?

Chi mi conosce bene sa che non sono un complottista, ma mi piace applicare il metodo del “salame a fette” anche per approfondire l’analisi di varie situazioni.

Una Cripto nazionale centralizzata sposterebbe molte risorse al di fuori del circuito bancario, e renderebbe meno accessibile un controllo certosino come quello che oggigiorno applicano i vari Organi Nazionali di controllo.
Quale la soluzione?

Beh, io credo che le Cripto Monete siano davvero il futuro (ormai lo avevi capito, si?) e che i controlli dell’Agenzia delle Entrate e affini si appoggeranno su Blockchain.

Qualche giorno fa ho spiegato questa mia visione ad un amico un pò più grande di me, che appena ha capito il mio disegno, esclama: “Mike, mi stai in pratica dicendo che finiremo in un Matrix?”. Gli rispondo: “In pratica si. Se il sistema sarà equo, anche quelli con molti scheletri nell’armadio potrebbero non aver più nulla da nascondere al fisco poichè tutti dovranno pagare il giusto”.

E te come la vedi?

La partenza è ciò che ferma la maggior parte delle persone

Michele Zillo


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 51
  •  
  •  
  •  
  •  
    51
    Shares