•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Giornata negativa questo martedì 27 febbraio per i mercati azionari, sia quelli europei (unica eccezione Milano che ha chiuso poco sopra la parità) che quelli americani. Segno meno per il Petrolio, stessa situazione anche per Oro ed Argento.

Il calendario economico quest’oggi ci presentava diversi dati importanti, soprattutto nel pomeriggio dove avevamo a che fare sia con gli ordini di beni durevoli USA che hanno avuto una diminuzione ben superiore alle aspettative, che con la fiducia dei consumatori statunitensi che invece ha mostrato una crescita oltre le attese.

Vediamo dunque cosa è successo sui mercati iniziando dalle borse europee che come detto hanno vissuto una giornata all’insegna dei ribassi (indice Eurostoxx 50 -0,25% a quota 3.454 punti) con l’unica eccezione che è stata rappresentata da Milano che ha chiuso poco sopra la parità (FTSE MIB +0,08% a quota 22.724 punti). Segno meno invece per Francoforte (Dax -0,29% a quota 12.490 punti), Londra (FTSE 100 -0,10% a 7.282), Parigi (Cac -0,01% a quota 5.343) e Madrid (Ibex -0,02% a quota 9.900 punti).

Situazione molto simile in questo momento anche per gli indici di Wall Street che vedono il Nasdaq far registrare la performance peggiore (-0,63% a quota 7.374 punti), poco più indietro troviamo anche S&P 500 (-0,58% a quota 22.762) e Dow Jones (-0,41% a quota 25.609).

Spostiamoci sul mercato del Forex dove oggi il Dollaro è stato protagonista di una giornata più che positiva: la valuta americana è infatti in guadagno nei confronti di tutte le principali concorrenti, nell’ordine Euro (EurUsd -0,60% a quota 1,2241), Yen (UsdJpy +0,34% a quota 107,30 punti) e Sterlina (GbpUsd -0,28% a 1,3929). Sterlina che a sua volta guadagna terreno sia nei confronti dell’Euro (EurGbp -0,35% a quota 0,8789) che, seppur di poco, anche nei confronti dello Yen (GbpJpy +0,08% a 149,46 punti).

Chiudiamo dando un’occhiata alle materie prime iniziando dal Petrolio che quest’oggi vede sia WTI che Brent in territorio negativo: il primo cede il -1,39% a quota 63,03 $ al barile, il secondo invece perde il -1,11% a quota 66,52 $ al barile.

Stessa sorte anche per il settore dei metalli con Oro ed Argento che stanno cedendo rispettivamente il -1,01% (a 1.319 $ l’oncia) ed il -1,15% (a quota 16,36 $ l’oncia). Segno meno anche per Rame (-1,32%), Platino (-1,59%) e Palladio (-2,21%).

Buon Trading a tutti

 


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •