•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Giornata di ribassi per le borse europee con le uniche eccezioni che sono state Londra e Milano. In rosso anche gli indici di Wall Street, in leggero rialzo sia il Petrolio (le scorte settimanali USA sono diminuite oltre le attese) che l’Oro.

Il calendario economico in questo mercoledì 10 gennaio ci presentava i primi dati di un certo peso di questa settimana con il rilascio della produzione manifatturiera in Regno Unito che questa mattina ha mostrato una crescita superiore alle previsioni (+0,4% su base mensile). In calo oltre le attese le già citate scorte di Petrolio negli Stati Uniti.

Veniamo ai mercati ed iniziamo dalle borse americane: come detto tutti i principali indici di Wall Street sono in negativo, il peggiore è il Nasdaq (-0,45% a 7.131 punti), a seguire troviamo S&P 500 (-0,20% a quota 2.745) e Dow Jones (-0,15% a 25.348 punti).

Situazione piuttosto simile questo pomeriggio per le borse europee (indice Eurostoxx 50 -0,47% a 3.607 punti) dove Francoforte (Dax -0,80% a 13.278) e Parigi (Cac -0,36% a 5.504 punti) sono state quelle con la performance peggiore. Praticamente invariata Madrid, hanno chiuso in positivo invece sia Londra (FTSE 100 +0,20% a 7.746 punti) che soprattutto Milano con il FTSE MIB che ha guadagnato il +0,65% a 23.154 punti.

Spostiamoci sul Forex dove oggi il dollaro è stato protagonista di una giornata dalle due facce: la valuta USA è in calo sia nel cambio con l’Euro (EurUsd +0,28% a 1,1971) che in quello con lo Yen (UsdJpy -1,07% a 111,45 punti) mentre è in leggero guadagno con la Sterlina (GbpUsd -0,17% a quota 1,3516 punti). Sterlina che a sua volta cede terreno anche nei confronti dell’Euro (EurGbp +0,45% a quota 0,8856) e dello Yen (GbpJpy -1,22% a 150,66 punti).

Il calo oltre le previsioni delle scorte USA ha dato una mano al Petrolio che in questo momento è in rialzo soprattutto a New York (WTI +0,95% a 63,55 $ al barile). Leggermente più contenuto il Brent che guadagna il +0,58% a 69,23 $ al barile.

Giornata positiva anche per il settore dei metalli dove domina il segno più (fatta eccezione per il Palladio, unico sottostante in negativo che perde il -1,61%). L’Oro in questo momento guadagna il +0,37% e si attesta a 1.318 $ l’oncia mentre l’Argento è praticamente invariato (+0,03% a 17,01 $ l’oncia). Rialzi anche per Rame (+0,81%) e Platino (+0,40%).

Buon Trading a tutti

Manuale Pratico Del Trader Sportivo, Betfair, Trading, Matckbook, Scommesse, Betting, Guadagnare Soldi Online, Scommesse Sportive, Calcio, Tennis, Basket,


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •