Qual è il modo migliore per riempire la pentola con il Trading Sportivo, arrivando a viverci, ottenendo uno stipendio mensile?

La domanda è molto interessante e spero di poter rispondere in maniera chiara, in modo che il mio pensiero ti giunga come è effettivamente: Onesto.
La prima cosa che devi sapere sul trading sportivo, è che non è per tutti.

Te lo dico perché ho modo di confrontarmi ogni giorno con persone diverse, molte delle quali sono convinte che questo sia un lavoro improvvisabile, o peggio ancora replicabile dopo poche ore che si battono le dita sulla tastiera alla spasmodica speranza di un profitto.

I più, fanno questa come seconda attività, e certamente non c’è nulla di male, senza la sana considerazione che tra prima e seconda o terza attività, non ci deve essere nessuna differenza.

Sempre di un lavoro si tratta, e in quanto tale deve essere preso seriamente.

Beh, diciamocelo chiaramente, questo succede anche ai novellini del  trading finanziario, del forex, di qualsiasi altra cosa che deve essere affrontata bene perché ci permetta di guadagnare.

Insomma, essere un trader sportivo presuppone alcune caratteristiche, alcune delle quali sono essenziali, altre, parlo per me, molto meno.

Serve essere un esperto di sport per essere un trader Sportivo Vincente?

Secondo il mio parere, no.

Io non sono un esperto di calcio, posso anche dirti che non ne sono un vero e proprio appassionato. Mi piace molto il rugby, sport che ho praticato per buona parte della mia vita.
Del calcio conosco le regole, forse nemmeno tutte, la durata della partita, ma ci lavoro molto, anzi moltissimo, dopo aver letto statistiche, giornali, impressioni, commenti, aver fatto le valutazioni sulle quote iniziali.

Insomma, la stessa fatica di un lavoro vero e proprio, ed è meglio che ti sottolinei la frase “ci lavoro

Nel calcio, e anche in altri sport, ho il vantaggio che da diversi lustri sono un trader allenato a fare scalping nei mercati finanziari, in particolare sulle azioni americane del Nasdaq.

Cosa c’entra questa cosa?

Tanto, le affinità tra il trading sportivo e quello finanziario sono parecchie. Cambia il sottostante che, nel trading finanziario, è di carattere molto più speculativo e rischioso rispetto al trading sportivo che ha come sottostante un evento sportivo.

La mia non è una provocazione, è la verità: Hai molto meno rischio a tradare una partita di pallone, di tennis, basket, rugby che a fare la stessa operatività su un derivato come il Dax oppure il Nasdaq.

Nel trading sportivo, la tua perdita massima è stabilita a priori e non puoi perdere più del tuo capitale, come spesso ti potrebbe capitare nel Forex o con l’operatività sui derivati.

Queste cose, bene o male, le sanno tutti, come credo sia ormai di dominio pubblico che con l’operatività di trading sportivo, puoi entrare e uscire da un evento sportivo quante volte ti pare, in profitto, o in perdita. Questa ultima valutazione dipende solo dal tuo stile di trading.

Allora, perché dico che il trading sportivo non è per tutti?

Perché, come accade nel trading finanziario, il 95% dei trader perde soldi, a beneficio del restante 5%.

Le tecniche, sono molto soggettive e non tutte sono replicabili. Può essere che io guadagno con un metodo e con lo stesso tu perdi. A volte è solo una questione di una frazione di secondo.

La differenza, te lo dico io, è solo data dall’esperienza.

Guarda questo esempio sul tenni. Si tratta della finale tra Federer e Nadal. Le quote di partenza sono più o meno le stesse.

Nella foto sotto, ti faccio vedere quanto ho ottenuto entrando con 20 sterline su una battuta di Nadal dopo che era sotto di 0 30.

Ecco, sappi che sono stato dentro solo un 15 e ho guadagnato perché ha preso il punto.

Trading sportivo con max soldini

Certo, adesso il meno abbiente a livello di cervello, partirà con la litania dei pochi schei, ma io ti dico che i pochi schei, fatti con continuità, danno le maggiori soddisfazioni che la vita ti può riservare. Ovviamente mi sto riferendo al profitto.

In una partita di tennis molto liquida come quella che ti ho messo in foto, c’è la possibilità di entrare ed uscire decine e decine di volte. Certo, non sempre in profitto, ma i conti li facciamo alla fine del mese e non alla fine di una partita.

Il tennis, non è per tutti.

Hehe, come vedi metto sempre che c’è qualcosa che non è per tutti. Il mio è un invito a specializzarti in uno o due sport e cercare di fare grana con quelli.

Mantieni abbastanza tempo per poterti dedicare ad altro, non morire di lavoro. Il guadagno arriva comunque.

In cosa prediligo fare trading sportivo io?

Come ti ho detto, il calcio non è la mia vera passione, anche se ci lavoro abbastanza.

Cosa voglio farti capire?

Che devi essere pronto anche a fare cose che non ti piacciono.

Ad esempio, io traggo la maggior parte del mio reddito di trader sportivo dalle corse dei cavalli. Anche qui devo rivelarti una verità molto scomoda per me: Non ho mai visto una corsa di cavalli in vita mia. So solo come si muove il book e, se hai esperienza, potresti confrontare il trading sull’ippica come al momento in cui rilasciano le notizie durante una contrattazione di borsa.

Ho solo un vantaggio, il vantaggio sleale di sapere come sarà la notizia una frazione di secondo prima degli altri.

Come faccio?

Beh, adesso non chiedermi troppo. Fidati del fatto che non è una cosa per tutti, anzi, è una cosa per pochissimi intimi.

Profitti con il trading sportivo, trading sportivo vincente.

Scalping sui cavalli e ippica, una modalità di trading che da molte possibilità di profitto.

Nella foto sopra ti faccio capire qualcosa. Si tratta di un fotofinish. Ecco, io posso guadagnare anche su questo, solo guardando le quote del book di una corsa di cavalli.

Ok, se sei appassionato di questa cosa, come primo passo, vai a comprare il manuale che ho scritto. Sappi che anch’io perdevo con il trading sportivo finché non l’ho letto. (Hehe).

Ok, è domenica, non voglio stare qui a farti la predica. fai tesoro di queste mie considerazioni e se hai bisogno di un consiglio, chiedi pure.
Che il profitto sia con te!

Max W. Soldini

P.S. Ti metto sotto la foto del mio estratto conto. Niente di veramente eccezionale. Ho parlato di costrire uno stipendio, non di diventare ricchi con questa cosa.