•  
  •  
  •  
  • 3
  •  
  • 160
  •  
  •  
  •  
  •  
    163
    Shares

Una voce di corridoio, ormai ha riempito anche gli sgabuzzini e le aule! Sembra proprio che Faecbook stia per lanciare la sua Criptovaluta.

Come mai un colosso come Facebook dovrebbe avere necessità di una sua moneta?

Dunque, ormai non è più un mistero che tanti grandi colossi lavorino proprio alla creazione della loro valuta interna. Soprattutto se la piattaforma è internazionale, ci sono meno problemi di contabilizzazione dei pagamenti da valute diverse. Ti immagini che spesa dover contabilizzare tutti i pagamenti fatti su Facebook, Whatsapp e Instagram in tutte le differenti valute locali dei paesi in cui Facebook è presente?

Questo potrebbe essere già un grande passo avanti.

Personalmente, vedo almeno altri due vantaggi. Il primo è nella gestione della liquidità di cassa. Con una valuta interna, le persone compreranno mediamente più monete di quelle che possano servire nell’immediato. Questione di comodità insomma: quando vai a fare spesa, di solito non prendi da mangiare solo per il pasto successivo, ma anche per qualche giorno a venire.
Per queste “valute interne” il discorso è analogo, considerato che potrebbero esserci delle tempistiche e delle commissioni per comprare quelle monete.

Qual è il vantaggio per Facebook? Una maggiore liquidità di cassa! E una maggiore liquidità di cassa può portare a muovere il denaro anche per attività di sviluppo della piattaforma stessa, senza chiedere prestiti a enti finanziatori.

Perchè una Cripto Moneta, e non semplicemente una valuta fiat tradizionale?

A parte gli investimenti iniziali per programmare il proprio Smart Contract sulla Blockchain (ti ricordi l’esempio dell’automobile con Smart Contract e Blockchain?), poi è un sistema che viaggia in automatico, senza personale richiesto, con commissioni molto basse e velocità molto alta per le transazioni, margini di errore molto contenuti e tracciabilità di tutte le transazioni grazie al registro distribuito!

Fin qua sembrerebbe una svolta…

Ma quale potrebbe essere a questo punto la Blockchain più indicata?

In articoli precedenti avevamo visto che alcune Blockchain non sono al momento le più indicate per velocità e numero di transazioni.
Partiamo ad esempio dal presupposto che il solo Whatsapp conta più di 200 milioni di utenti mensili. Facebook oltre un miliardo di utenti. Si registra almeno un miliardo di transazioni ogni mese solo nell’ecosistema di Zuckerberg.

La Blockchain dovrà essere veloce, molto veloce, sicura e di facile utilizzo per gli utenti.

Ethereum vedevamo in questo articolo che non è proprio pronta per una mole di dati così grande. Ecco che sembra che la Blockchain obiettivo di Marc e soci sia proprio quella di Zilliqa, grazie alla sua stabilità comprovata e ad una potenzialità di trasmissione dati decisamente rilevante e che sembra essere oltre 2500 transazioni al secondo, con soli 6 frammenti (ti ricordi lo sharding?).

Insomma, una moneta abbastanza consolidata, ma sufficientemente agli inizi perchè una partnership di questo tipo possa essere interessante per ambo i player.

Per l’evento e l’urgenza dell’evento, ho chiesto ad Alberto un piccolo inserto su Zilliqa:

Zilliqa (ZIL) è una piattaforma blockchain ad alta produttività di nuova generazione,
progettata per scalare, utilizzando la tecnologia sharding che consente di aumentare
i tassi di transazione man mano che la rete si espande. Il progetto nasce nel giugno
2017 e viene sviluppato a Singapore. Zilliqa ha recentemente firmato una partnership
con Mindshare, un’ agenzia stampa a livello mondiale per iniziare a testare le
soluzioni blockchain per notizie false e sicurezza dei dati. Le applicazioni poi
spaziano dalla sharing economy, networks di pagamento, aste parallele, calcoli
scientifici e ad alta sicurezza, ma la collaborazione più importante secondo alcuni
rumors riportati da CryptoRivista sarebbe quella con Facebook. Il colosso dei social
networks opterebbe per adottare la rete blockchain di Zilliqa, piuttosto che crearne
una propria.

Alberto Vischio è un ragazzo che conosco ormai da qualche anno, e che appena ha saputo di questo gruppo di lavoro sulle Cripto, mi ha chiesto come diventare parte attiva e operativa del Club. Adesso cura una rubrica settimanale, che abbiamo chiamato Ivy Crypto of the Week in cui affrontiamo una Criptovaluta diversa ogni settimana, scelta dalla nostra Community!
Ieri abbiamo parlato di Stellar Lumens, ed è operativo il sondaggio per decidere le prossime due criptovalute! Se vuoi venire anche te a conoscenza del suo ottimo lavoro, vieni a trovarci nel Club!

E anche Facebook si sta muovendo nella direzione delle Criptomonete. Quanto manca e cosa potrà catalizzare ancora di più il loro utilizzo su larga scala?

La partenza è ciò che ferma la maggior parte delle persone

Michele Zillo


  •  
  •  
  •  
  • 3
  •  
  • 160
  •  
  •  
  •  
  •  
    163
    Shares