•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La riforma fiscale di Donald Trump permetterà ad Apple di riportare in patria una somma considerevole di denaro che la società al momento detiene all’estero e questo, secondo alcune voci che hanno preso piede negli ultimi giorni, potrebbe portare il colosso di Cupertino all’acquisizione di Netflix.

Poco prima di Natale negli Stati Uniti è diventata legge la riforma fiscale di Donald Trump: tra le varie novità messe in campo dal presidente USA ce n’è una che riguarda i depositi all’estero che potranno essere rimpatriati pagando una tassa del 15,5% contro il 35% precedente. Apple, che secondo le stime ha circa 252 miliardi di dollari in denaro contante depositati al di fuori degli Stati Uniti, starebbe seriamente pensando a riportare a casa il proprio patrimonio che, dopo il pagamento delle tasse, ammonterebbe in circa 220 miliardi di dollari cash.

In questi anni Apple è diventata il punto di riferimento non solo nel settore della telefonia e dei computer ma anche in quello della musica con iTunes. In un mercato però non è ancora riuscita a ritagliarsi un ruolo considerevole: quello della TV e dello streaming.

Ecco dunque che sono arrivate nei giorni scorsi le prime speculazioni secondo cui sarebbe proprio Netflix l’azienda che farebbe fare ad Apple il salto di qualità in questo settore. Come abbiamo avuto modo di vedere anche in questo articolo il trend dei sottoscrittori al servizio di streaming online è in crescita e questo sarebbe un ottimo momento per acquisire Netflix. Al momento non ci sono state ancora dichiarazioni ufficiali dalle parti in causa e secondo gli analisti la probabilità che Apple faccia questa mossa al momento si attesta al 40%.

Ci sono però una serie di variabili da considerare a questo punto. Primo: Apple è veramente intenzionata a riportare negli USA il denaro che in questo momento detiene all’estero? La possibilità c’è ma non è detto che ciò avvenga e che soprattutto avvenga in tempi brevi.

Secondo: Apple è sempre stata molto cauta con le sue spese. L’acquisizione più rilevante risale al 2015 ed è stata pagata 3 miliardi di dollari. Nel caso di Netflix si tratterebbe di una cifra stimata in 85 miliardi di dollari che rappresenterebbe a tutti gli effetti il più grande investimento di sempre per la società californiana.

Terzo e non ultimo: non è detto che Netflix rappresenti l’investimento giusto per Apple che potrebbe decidere di spostarsi su altri settori.

Al momento come dicevamo non ci sono state dichiarazioni ufficiali dalle parti in causa ma c’è da scommetterci che non tarderanno ad arrivare: vi terremo sicuramente aggiornati sull’evolversi di questa vicenda.

Buon Trading a tutti

Manuale Pratico Del Trader Sportivo, Betfair, Trading, Matckbook, Scommesse, Betting, Guadagnare Soldi Online, Scommesse Sportive, Calcio, Tennis, Basket,

 

 

 

 


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •