•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 118
  •  
  •  
  •  
  •  
    118
    Shares

Bentornati amici aspiranti Trader Sportivi. Oggi parliamo di quale sport è più adatto per poter applicare le nostre strategie e vivere di Trading Sportivo tra il calcio e il tennis.

Archiavata un’altra bella settimana di sport con la vittoria ai rigori del Cile in Coppa America, la sconfitta dell’Inghilterra contro l’Islanda (cavolo, che batosta avranno preso i bookmakers inglesi che pagavano a 12 o più la quota dell’Islanda?), la grande vittoria dell’Italia operaia targata Conte e la fine della bella favola di Marcus Willis a Wimbledon, numero 772 al mondo ed ex numero 15 del mondo a livello juniores, che dopo aver vinto tre incontri di prequalificazione, tre di qualificazione e aver battuto anche Berankis (n.54 Atp), si è trovato al cospetto di Roger Federer e ha dovuto fermare la sua corsa. Bellissimo incontro è stato comunque il suo.

Dicevamo: quale tra calcio e tennis si presta meglio alla professione di Trader Sportivo? La risposta la intuite già ma la scriviamo perchè repetita semper iuvant: lo sport che ti piace di più, che ti fa stare incollato alla tv, anche in orari improbabili, è lo sport più adatto.

Detto questo ci sono due aspetti da sottolineare. Per prima la questione liquidità.

Nel calcio la liquidità risulta essere più frammentata in quanto le partite in periodo di campionato sono tantissime e divise per nazione: generalmente gli italiani puntano e bancano sul campionato italiano, gli inglesi in quello inglese, gli spagnoli in quello spagnolo e così via. I periodi di Europei e Mondiali, ma anche le fasi ad eliminazione diretta delle coppe europee, sono un eccezione a questa regola infatti in questi periodi la liquidità è molto più concentrata e non è insolito vedere incontri con 30-40 milioni di Sterline abbinate nei vari mercati in un solo bookmaker (Inghilterra-Islanda di lunedì è arrivata su un solo book a quasi 50!!). Ovviamente facendo riferimento alle Sterline parliamo di bookmakers .com.

Questo ‘effetto concentrazione’ è direttamente insito nel tennis che per sua struttura non si svolge tramite campionati ma solo con tornei ad eliminazione diretta in tutte le parti del mondo, questo fa si che non solo nei tornei più importanti si trovi buona liquidità, ma anche nei tornei minori del circuito. Se poi consideriamo che le modalità di gioco del tennis sono minori rispetto alle possibilità presenti nel calcio il quadro si completa, infatti anche nel tennis vi sono vari mercati (si può puntare e bancare sull’esito finale, sul vincitore di ogni game, sul vincitore di ogni set, sul numero di set con cui un giocatore vincerà la partita e anche il numero di game di scarto con cui un giocatore prevarrà) ma quello che presenta maggior liquidità è sicuramente, e per distacco, il mercato esito finale.

Il secondo aspetto da sottolineare è la natura dei due sport.

Parlando del mercato esito finale, il più liquido in entrambi gli sport, nel calcio possono accadere tre esiti: la vittoria della squadra di casa, il pareggio e la vittoria della squadra in trasferta. Nel tennis invece il pareggio non è possibile. Questa non sottile differenza implica che i ribaltamenti di fronte della partita, e quindi delle quote (che ricordiamo rappresentano le probabilità di vittoria di ciascun giocatore e variano punto per punto) siano frequentissimi, soprattutto in match equilibrati. Per usare un termine finanziario diremmo che il mercato esito finale nel tennis è un mercato molto più volatile del mercato esito finale nel calcio, e più volatilità significa più possibilità di fare schei, se si sa come fare, o più possibilità di perderli, se si va senza una strategia e un piano di trading a noi congeniale.

Perciò fatta distinzione per questi aspetti quale passo consiglierei ad un aspirante Trader Sportivo per iniziare? Beh amico ti posso dire come ho iniziato io. Non sono passato dalla sera alla mattina a guardare otto ore di sport al giorno per sei o sette giorni alla settimana anche se ogni tanto ora lo faccio 🙂

Ho iniziato col seguire un solo campionato, quello italiano, e a guardare la maggior parte delle partite che riguardavano le principali squadre (non le elenco perchè le conosciamo tutti e non vorrei che l’elencazione potesse offendere qualcuno se dovesse mancare la sua squadra del cuore) e a seguire costantemente una decina di tennisti. Tutto questo per abituarmi a capire quando una squadra fosse in forma piuttosto che in difficoltà e come reagivano le squadre e gli allenatori in questi momenti. Per i tennisti, invece, come giocano a seconda della superficie e a cogliere ogni singola smorfia che potessero indicarmi il loro stato di condizione psico-fisica.

Questo consiglio richiede comunque delle qualità come persone che sono sicuramente apprendibili quali: la pazienza e l’umiltà di aspettare il vostro momento per puntare e bancare una volta conosciute le vostre squadre o tennisti di riferimento e non farsi assolutamente prendere dall’avidità di voler arraffare tutto.

Vi dico questo perchè, specie all’inizio, il mio errore principale era quello di voler entrare in un trade anche quando non conoscevo il modo di giocare di una delle due squadre o di uno dei due tennisti. È un errore dato dall’eccessiva fretta e voglia di guadagnare che ho commesso un’enormità di volte. Pensavo di poter prevedere l’andamento di un match conoscendo solo il modo di giocare di uno dei partecipanti, ma non funziona così. E l’ho imparato a mie costose spese.

Ricorda: siamo sempre noi a fare la differenza a parità di strategie e tecniche.

Questo è secondo me il miglior modo di iniziare, specializzarsi, poi col tempo con la stessa logica si possono ampliare il numero di campionati seguiti così come quello dei tennisti e far diventare sempre più questa passione una professione!

Dai ragazzi anche oggi abbiamo messo un altro tassello. Applica e passa all’azione mi raccomando.

Verba volant azione manent (mi piace di più così 🙂 )

Godiamoci l’Italia stasera! Forza Azzurri!

Big Profits and be Unstoppable!

Danilo


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 118
  •  
  •  
  •  
  •  
    118
    Shares