•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Buona Befana a tutti i trader di Amica Borsa…..

Per chi fa trading intraday nell’azionario italiano impossibile non seguire il titolo Eni soprattutto in questo periodo dove a causa dei forti ribassi del petrolio il titolo è soggetto a forte volatilità, ma essendo un titolo molto liquido e molto tecnico si riesce a sfruttare bene per l’operatività.

Come si può osservare da un grafico ristretto a 15 minuti, stamattina avevo evidenziato i principali livelli importanti per il titolo che corrispondevano a un livello di doppio minimo e ad un livello di minimo di breve periodo, alla mattina non si può mai sapere come un titolo aprirà se al rialzo o al ribasso, quindi è meglio tenere presente fin da subito i livelli principali  di supporto e resistenza di breve per non trovarsi impreparati nel caso il titolo li raggiunga velocemente.

eni 15 1

Dopo il forte scivolone di ieri Eni stamattina accelera ancora al ribasso e mi va a prendere proprio i primi livelli di supporto che avevo evidenziato e allargando nel daily il grafico sempre a 15 minuti proprio su questi livelli mi stava configurando la solita piccola barra di possibile inversione.

eni 15 2

Quindi aspettando la chiusura di questa barra ecco comparire il solito calicetto, gli ingredienti per una bella operazione c’erano tutti ossia, titolo che il giorno precedente scende ininterrottamente, stamattina apre e accelera ancora al ribasso per andare a configurare una piccola barra di possibile inversione proprio sui primi livelli di supporto, ci stava il tentativo di buy gestito questa volta diversamente dal solito.

La barra successiva al calicetto consolida senza andare a rompere al rialzo i max del calicetto, quindi aspetto, ma la barra successiva consolida ancora sui minimi quindi inserisco un’ordine d’acquisto sui questi livelli di minimo senza aspettare la rottura al rialzo per guadagnare qualche tick in più, ma in questo caso lo stop l’ho inserito sotto il minimo del calicetto,perchè una volta rotto quel minimo non avrebbe avuto più senso tenere aperta l’operazione, meglio chiudere e aspettare il prossimo supporto.

Quindi buy a 13.17 con 1500 azioni che corrispondono a 15 euro a tick con stop sotto il minimo del calicetto a 13.11, ovviamente se il minimo del calicetto fosse stato più profondo non avrei messo lo stop sotto il minimo e non avrei neanche tentato il buy in questo modo, ma avrei gestito l’operazione normalmente ossia aspettando la rottura al rialzo del calicetto.

Prime 1000 azione vendute sulla forte accelerazione a 13.32 per assicurarmi un sicuro guadagno, la restante parte di 500 azioni vendute poco dopo a 13.42 visto che nel 5 minuti aveva accelerato troppo forte e avevo paura ritracciasse, comunque operazione chiusa in un’unica barra di 15 minuti con 275 euro di gain. Ho chiuso subito tutta la posizione visto la forte accelerazione del titolo in poco tempo e portando comunque a casa un bel 1.60%.

Ciao a tutti alla prossima.

Matteo Cantoni

PS. Se ritieni utile questi articoli, mi farebbe molto piacere avere la tua opinione con un commento, magari possiamo aiutare molte persone che vorrebbero incrementare i propri guadagni o vivere di Trading. Grazie

Trading, Trading Online, Broker, Giadagnare Con Il Forex, Serafini, Paolo Serafini, Borsa, Market, Buy, Sell, Stop Loss,Manuale Trading, Il Manuale Del Trader Idiota, Scuola Trading, Corso Trading, Video Trading, Paolo Serafini, Max W. Soldini, MAX SOLDINI,

Youtube


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •