•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Dopo le chiusure di venerdì scorso (Good Friday) riaprono le contrattazioni sui mercati americani e noi ne approfittiamo per fare il punto su quello che ci aspetta durante questa settimana di trading online.

Oggi come abbiamo visto nel calendario economico di questa mattina sarà Bank Holiday in Europa e le principali piazze rimarranno chiuse. Noi partiamo quindi dall’America.

Già domani sarà una giornata ad alto tasso emotivo: nel pomeriggio infatti sono previsti prima i dati sulla fiducia dei consumatori da parte della Conference Board e poi, un’ora e mezza più tardi, la conferenza stampa del presidente della FED Janet Yellen. Rifacciamo un attimo il quadro delle decisioni prese dalla Federal Reserve negli ultimi mesi in modo da capire perchè c’è tanta attesa da parte degli investitori.

Lo scorso Dicembre la banca centrale americana ha effettuato un rialzo dei tassi d’interesse dopo ben nove anni, portando il costo del denaro all’attuale valore di 0,5%. Dopo la comunicazione di questo dato gli economisti più ottimisti hanno iniziato a parlare addirittura di 4 rialzi per il 2016, rialzi che avrebbero portato il costo del denaro all’1% entro la fine dell’anno. Come spesso accade poi questi esperti vengono smentiti dai fatti e la FED, durante la riunione di metà Marzo, ha rimandato un ulteriore rialzo facendo ricredere i più entusiasti. In questo momento le previsioni parlano di due rialzi previsti per quest’anno. Staremo a vedere quello che succederà.

Ma questa non è solo la settimana della FED e della Yellen, è anche la settimana dei dati sull’occupazione americana: si parte mercoledì con i dati sulla variazione dell’occupazione non agricola da parte dell’ Automatic Data Processing (ADP Non-Farm Employment Change) per arrivare a venerdì quando sono previsti i Non-Farm Payrolls insieme ad altri dati sul mercato del lavoro come il tasso di disoccupazione ed i salari orari.

Sempre mercoledì poi sono previsti i dati sulle scorte di petrolio (Crude Oil Inventories).

Arriviamo a giovedì quando è prevista la conferenza stampa a Tokyo del presidente della Bank of England Mark Carney. Ricordiamo che la BOE ha lasciato invariati i tassi non più tardi di due settimane fa durante la riunione dello scorso 17 Marzo.

Giovedì come sappiamo è anche la giornata degli Unemployment Claims, le richieste sui sussidi di disoccupazione della settimana precedente che sono un appuntamento fisso della settimana di trading online, che verranno rilasciati insieme ai dati sul PIL canadese.

Di venerdì abbiamo già detto dei dati sul mercato del lavoro americano ma sarà anche la giornata del PMI manifatturiero sia per Gran Bretagna che per USA.

La carne al fuoco sui mercati non manca di certo, noi come sempre saremo qui a seguire quello che succede insieme a voi.

La raccomandazione è sempre la stessa: massima attenzione in questi frangenti.

Buon trading a tutti


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •