•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 79
  •  
  •  
  •  
  •  
    79
    Shares

Nello scorso articolo abbiamo visto che alleggerire la Blockchain tramite Sharding e SegWit. Andiamo ora a vedere cosa può portare il Lightning Network.

A differenza delle altre due innovazioni che ho menzionato ieri, il LN (acronimo che userò per indicare il Lightning Network) non prevede alleggerimenti della Blockchain. LN è infatti un sistema che prevede la creazione di uno strato al di sopra della Blockchain.

LN in pratica estrapola le informazioni dalla Blockchain, e poi sfrutta un protocollo molto snello per svolgere transazioni piccole fra utenti ricorrenti. Sarà molto utile per il pagamento nei negozi e per lo scambio fra privati di Cripto Monete, ma ha ancora un paio di limitazioni.

La prima è che per come è strutturato logicamente ora, le transazioni più importanti (superiori a 1 Bitcoin) potrebbero risultare molto lente e potrebbero esserci comunque delle dispute, che andrebbero risolte mediante Blockchain.

Dunque. Facciamo un passo alla volta.

La prima cosa che andiamo a vedere è sulla limitazione delle transazioni. Sul Lightning Network le transazioni fra due persone avvengono mediante un pool di condivisione, ovvero delle scorte che le due persone mettono a disposizione. Se una delle due invia fondi all’altro, da una parte vengono sottratti e dall’altra sommati. Ecco perchè è così veloce. Se includiamo una terza persona, con cui vengano fatti trasferimenti “incrociati” la logica è sempre la stessa. Ecco perchè le transazioni grosse possono essere un problema. Perchè serve che qualcuno della rete LN abbia messo a disposizione almeno quella somma.

E le dispute?

Beh, dei fondi potrebbero essere contestati. Soprattutto se vi è sovrapposizione di transazioni. In questo caso si ritorna ai dati della Blockchain per verificare quanto accaduto e la disputa verrebbe comunque risolta agilmente.

Insomma. Un metodo promettente, che incentiva leggermente la centralizzazione delle transazioni a causa della necessità di avere il pool di condivisione almeno pari alla cifra che vi si appoggerà. Sicuramente rimane un’ottima trovata, che ampliata con i giusti accorgimenti, potrà dare ancora grande luce alla Blockchain di Bitcoin e successivamente a tutte quelle che lo adotteranno.

Non tutte le ciambelle riescono con il buco, ma una torta intera potrà diventare ciambella. Una ciambella non potrà diventare una torta intera.

Insomma, l’importante è creare movimento e stimolare l’evoluzione. La soluzione ottimale arriverà con il tempo.

La partenza è ciò che ferma la maggior parte delle persone

Michele Zillo


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 79
  •  
  •  
  •  
  •  
    79
    Shares