•  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  • 130
  •  
  •  
  •  
  •  
    131
    Shares

E’ da qualche mese che con il gruppo con cui lavoro parliamo della mia trasferta in Asia per visitare il posto della mining farm. All’inizio sembrava molto distante, ma ormai ci siamo quasi.

La mining farm è un’idea che coltiviamo da ormai quasi un anno, e sai cosa puoi fare quando hai un’idea? O corri per realizzarla rischiando di trascurare tantissimi dettagli per la fretta di imbastirla, oppure ponderi le condizioni, ci metti magari un pò di tempo in più e cerchi di farla fatta bene.

Ti ricordi quello che mi diceva la maestra Lucia alle elementari? “Presto e bene, non stanno insieme“. E’ una regola generale, che vale soprattutto nel business, anche se lei non lo sapeva e mi aveva puntato perchè mi piacevano le materie scientifiche e lei trattava quelle umanistiche.

Pensa solo se fossimo partiti a marzo dell’anno scorso quando abbiamo avuto una delle prime soluzioni possibili: le macchine che allora costavano 4000$, adesso non le vendono nemmeno più perchè il loro prezzo avrebbe dovuto essere troppo basso e la legge domanda/offerta di queste macchine posso garantirti che è un mercato fatto molto a modo suo.

Ma torniamo a noi. Fra pochi giorni partirò alla volta del Vainfighistan e l’emozione è tutt’altro che assente. Un pò perchè è da così tanto che lavoro a questo progetto che finalmente vedrò dove prenderà forma questa idea che inseguiamo da tempo. In seconda battuta perchè è una grandissima possibilità che abbiamo per fare qualcosa di grande. Anche ieri sera mi hanno scritto persone abbastanza vogliose di aderire e spargere la voce, ma come detto prima…non c’è fretta. Le cose devono essere fatte bene, e prima di far aderire indiscriminatamente le persone, è meglio avere chiara anche l’ultima virgola.

Vedi, a volte vengo definito anche un “testone” perchè cerco di capire tutto anche in campi che non proprio mi competono. Io la chiamo “curiosità” ma posso garantirti che questo mio modo di fare, quando ho iniziato a lavorare con le Criptomonete, non mi ha assolutamente aiutato perchè mi pareva di non capirci mai a sufficienza.
C’erano alcune sere in cui mi sentivo così smarrito in mezzo a tutte quelle news che mi veniva quasi da piangere, ma poi mi ricordavo che nessun grande obiettivo si raggiunge in poche settimane e mi ripetevo ad alta voce: “Zillo, come si scala una montagna? Partendo dal primo passo”.

Partire per il Vainfighistan è una soddisfazione che difficilmente posso esprimere perchè, nonostante sia solo il primo passo di una nuova montagna, vuol dire che ho scalato a sufficienza le montagne precedenti per essere pronto per questa nuova avventura.

Ma tornando a noi. Mentre sarò in Asia, dovrò davvero mollare il Trading sulle Criptovalute?

Non credo proprio, anche perchè con la tecnica del 3% del conto, tre volte al giorno per fare 1% al colpo credo riuscirò comunque a fare bene!

Nel Club cercherò di pubblicare le operazioni, e la sfida sarà proprio a beccare dei trend su grafici orari per avere dei range operativi più diluiti dei miei soliti.

Un’altra sfida. Un altro primo passo.

E sai cosa mi viene in mente in questi casi? Questo grafico della crescita cellulare. Nella prima fase si ha l’assestamento della cultura, nella seconda la fase di massima crescita per arrivare a stabilizzarsi.

Lo vedi cosa succede a rimanere fermi troppo a lungo? Inizia la fase di morte, e la cellule iniziano a morire.

crescita personale criptomonete

E che cavolo c’entra con le Criptovalute?

Se per un tempo troppo lungo rimani fermo, alla fine rischi di mollare, perdere passione o anche solo perdere il ritmo.

Quante volte hai rischiato di mollare prima della destinazione, senza sapere che era appena dietro l’ultima curva?

Nel Club stiamo lavorando assai, con alcune persone in privato ancora di più. Il mercato si muove e stare fermi è da pazzi.

guadagnare assieme

La partenza e la costanza sono ciò che fermano TUTTE le persone

Michele Zillo


  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  • 130
  •  
  •  
  •  
  •  
    131
    Shares