•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Amici Trader del Forex, Immagino siate tutti sotto gli ombrelloni, d’altronde il bel tempo lo permette.

Voglio solo segnalare questa operazione chiusa questa notte con il Gap della Domenica tra dollaro americano e yen giapponese.

Azz, ho rischiato anche le mutande con questa storia che i Gap chiudono sempre.

Per fortuna che pratico il sonno polifasico e riesco a seguire anche le operazioni che apro di notte, ma ti garantisco che, in momenti come questi, se ti cala la palpebra, puoi metterti nei guai pesantemente.

Beh, nel grafico sotto, time frame ad un’ora, con la freccia arancione ti evidenzio la chiusura di venerdì, con quella gialla l’apertura di domenica notte.

Il Gap non è proprio di quelli da incorniciare, ma con un time frame inferiore ho trovato la mia entrata.

fai anche tu i soldi con il forex, max soldini

Nulla di particolare, questa entrata rende circa 35 euro per ogni posizione da 0,10, cioè, con un lotto intero, se sei così scemo da metterlo in una notte di mezza estate nel tuo trade, puoi guadagnare anche 350 euro.

Il rischio di questo trade, è notevole e non adatto se sei un novellino. In quel caso devi stare in demo e vedere come si comporta il mercato per diversi mesi, prima di accollarti un rischio.

Nel grafico sotto, ti faccio vedere dove sono entrato e uscito.

guadagnare soldi con il gap della domenica sul forex, Max Soldini, amica borsa.

A guardarlo ora, mi vengono ancora i brividi.

Azz, devo decidermi ad abbassare l’aria condizionata.

A parte tutto, quando entri per la chiusura di un Gap nel mercato Forex, ma questo vale anche se operi con un derivato sugli indici, il tuo scopo deve essere di tagliare la corda non appena il Gap della domenica si chiude.

Eviterai i colpi di scena e qualche oggetto volante non identificato nel deretano.

Dai, siamo praticamente a ferragosto, non dovrei stare qui a fare certi discorsi, ma in piscina a fare gli spruzzi.

Che il profitto sia con te.

Max W. Soldini


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •