•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Buongiorno a tutti i trader di amicaborsa.com!

Vorrei condividere un’operazione di ieri, 23 settembre 2014, cercando di trasmettere ciò che valuto prima di entrare e come gestisco l’operazione per evitare dolorose decurtazioni del conto.

Lo strumento di riferimento è il CFD del Nasdaq (scadenza dicembre 2014). Oltre alle classiche operazioni fatte in contro-trend, come Paolo Serafini insegna, mi piace anche entrare in “trend following” mediante l’utilizzo della tecnica del canale del profitto, come ho evidenziato anche in questo mio precedente post.

Si tratta di un metodo di ingresso nella direzione del trend in atto (sul time frame utilizzato per l’ingresso), che sfrutta la media mobile a 20 periodi delle bande di bollinger. Sto osservando il grafico a 5 minuti, e l’idea dell’ingresso al rialzo deriva da due valutazioni: 1) la buona probabilità che il prezzo vada a rompere il massimo precedente per dare la caccia agli ordini posti su quel livello; 2) il calicetto formatosi a ridosso della media centrale a 20 peridi. Ho atteso la formazione delle due barre successive a quella “timone”, che sono risultate essere “inside” alla stessa, e sono entrato sulla rottura del massimo con 4 minilotti. Ecco il grafico.

 SC20140923-165258

Il prezzo è salito subito, portandomi in gain di 12 tick e permettendomi di mettere uno stop protettivo di 3 punti sopra il livello di ingresso. Questa azione mi ha evitato di andare in stop loss, tenuto conto di come è andata poi l’operazione.

 SC20140923-171608

Il prezzo è poi tornato sui, ma quello che voglio dirvi è che la disciplina e una corretta gestione dell’operazione è fondamentale, se non vogliamo trovarci in situazioni di pesante perdita, in totale balia del mercato. Tra l’altro, con strumenti come i CFD degli indici americani, fumarsi il conto in un pomeriggio è cosa molto facile.

Stop loss sempre in canna, disciplina e concentrazione.

Che il profitto sia con voi.

Sebastiano.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •