•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 35
  •  
  •  
  •  
  •  
    35
    Shares

Mercoledì all’insegna dei ribassi per le borse europee che hanno chiuso tutte, senza eccezione alcuna, con il segno meno. Nell’intorno della parità tutti i principali indici di Wall Street, segno meno anche per il Petrolio con il WTI che è tornato di nuovo sotto quota 63 $ al barile.

Il calendario economico in questo mercoledì 28 febbraio ci presentava la seconda stima del PIL USA nell’ultimo trimestre dello scorso anno che non ha mostrato variazioni rispetto alle previsioni degli analisti (+2,5%). In linea con le attese anche le scorte settimanali di Petrolio delle aziende americane.

Concentriamoci su quanto sta avvenendo sui mercati iniziando dalle borse americane che come dicevamo in questo momento si trovano tutte nell’intorno della parità, chi in positivo come Nasdaq (+0,16% a 7.343 punti) ed S&P 500 (+0,13% a quota 2.747) e chi in leggerissimo calo come il Dow Jones (-0,02% a 25.416 punti).

Situazione diversa questo pomeriggio per le borse europee che hanno chiuso tutte con il segno meno (anche se i ribassi sono stati contenuti come ci dimostra anche l’indice Eurostoxx 50 che ha perso il -0,32% a quota 3.443 punti). La peggiore è stata Madrid (Ibex -0,53% a quota 9.847 punti), a seguire troviamo Francoforte (Dax -0,38% a 12.443), Milano (FTSE MIB -0,37% a quota 22.640), Londra (FTSE 100 -0,35% a 7.252) e Parigi (Cac -0,33% a quota 5.324).

Spostiamoci sul Forex dove il Dollaro quest’oggi è stato protagonista di una giornata a due facce: la divisa americana è in guadagno sia nei confronti dell’Euro (EurUsd -0,30% a quota 1,2195) che nei confronti della Sterlina (GbpUsd -0,93% a 1,3778) mentre cede terreno nel cambio con lo Yen (UsdJpy -0,58% a quota 106,71 punti). Sterlina che a sua volta è in calo anche nei cambi con Euro (EurGbp +0,64% a quota 0,8850) e con Yen (GbpJpy -1,51% a quota 147,04 punti).

Vediamo come sempre cosa è successo anche sul mercato delle materie prime iniziando dal Petrolio che dopo il dato sulle scorte USA vede sia WTI che Brent in calo: il primo cede il -1,24% a quota 62,26 $ al barile, il secondo invece sta perdendo il -1,20% a 65,72 $ al barile.

Poco mossi Oro ed Argento, entrambi in lieve guadagno (+0,10% a 1.319 $ l’oncia il primo, +0,18% a quota 16,37 $ l’oncia il secondo), situazione simile in questo momento anche per Platino (+0,13%) e Palladio (+0,43%). Unico sottostante del settore tra quelli che seguiamo in negativo oggi è il Rame che cede il -1,46%.

Buon Trading a tutti


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 35
  •  
  •  
  •  
  •  
    35
    Shares