•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 56
  •  
  •  
  •  
  •  
    56
    Shares

Stamattina faccio colazione come al solito con la mia crema Budwig (se non sai cos’è, te la consiglio davvero) per partire carico a cannone e mi accorgo di una nuova: su Coinmarketcap siamo a 2003 coin/token!

Hai capito bene, 2003 monete.

Ma sono tantissime. Tantissime rispetto a cosa?

Partiamo dalle origini. Perchè un token viene creato?

Un token viene creato per adempiere ad una funzione specifica, e viene corrisposto durante la fase di Offerta Iniziale (ICO) in cambio di un corrispettivo che abbia un valore reale (Major Cripto oppure valute fiat).

Insomma, l’erogazione del token è un’attività che giustifica appunto la raccolta di denaro. “Soldi veri” in cambio di “valore futuro”.

E’ una scommessa? Si! Ma come diceva mia nonna Rita: “Chi non risica, non rosica”.

Ad oggi vale ancora la pena risicare così tanto?

La risposta, come sempre, è DIPENDE.

Il mercato non è più bilanciato al valore che spesso viene attribuito ai token e pertanto spesso si comprano ancora token in fasi molto iniziali dell’allocazione (Private Sale e Pre-ICO), e comunque quando il token esce sul mercato subisce un tracollo.

Ad oggi va dunque valutato molto accuratamente se l’investimento che si sta per fare sia meramente speculativo, oppure sia anche in stile “mecenate”, ovvero colui che finanziava i poeti e scrittori, ma che oltre un pò di visibilità, otteneva ben poco.

La domanda cruciale: sono tutti necessari questi token?

La risposta qua cambia e secondo me è NO. Ogni token avrà pure la sua funzionalità e la sua integrazione in alcune piattaforme. Al mondo ovviamente esistono diverse aziende che fanno lo stesso lavoro poichè è il principio di funzionamento del libero mercato ma al momento, credo che tutta questa tokenizzazione sia inutile. A maggior ragione se pensiamo che le Blockchain sono dei sistemi logici al loro interno, ma l’interfaccia fra varie piattaforme operanti in modi diversi e con logiche diverse è tutt’altro che scontato.

Ritengo comunque che questa fase di mercato fosse necessaria ed è stata un via come un’altra per diffondere l’informazione in merito alle Cripto Monete, la cultura della decentralizzazione e la visione che un’economia basata su smart contract è davvero possibile.

Sopravviveranno tutti? Sicuramente NO. Ma molti sopravviveranno sicuramente.

Se vuoi investire in ICO, stai all’occhio.
Se non vuoi investire in ICO, goditi lo spettacolo.
In ogni caso, non rimanere indifferente alla rivoluzione.

La partenza è ciò che ferma la maggior parte delle persone

Michele Zillo


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 56
  •  
  •  
  •  
  •  
    56
    Shares