•  
  •  
  •  
  • 3
  •  
  • 51
  •  
  •  
  •  
  •  
    54
    Shares

Siete appassionati di Ippica e non avete mai sentito parlare di DOBBING?

Se non sapete cosa sia cercherò di spiegarlo in questo articolo.

Il termine “Dobbing” è stato creato da PatternForm nel 2008.

Come molte opportunità di trading, il dobbing è diventato possibile da chi utilizza BETFAIR o un altro bookmaker sul quale operare in modalità exchange per avere la capacità di agire come scommettitore e bookmaker.

Il nome viene dalla frase “Double Or Bust” o DOB in breve.
Il principio di questo metodo è quello di scommettere sui movimenti dei prezzi della corsa invece che su un cavallo vincente.

Scendiamo esattamente nel particolare del DOB..

Un DOB è costituito da due scommesse, una scommessa BACK (punta) che viene posta prima dell’ inizio della corsa o comunque al BSP (Betfair starting price) e una scommessa LAY (banca) che viene posta a corsa in esecuzione.

Talvolta potrebbe essere possibile piazzare la nostra LAY prima della gara, ma la maggior parte del tempo sarà in play.

La chiave è che devi piazzare sempre la tua scommessa LAY a metà delle quota alla quale hai  piazzato la tua scommessa BACK e raddoppiare lo stake.

Vediamo un esempio.

Se piazziamo un BACK su un cavallo a 5,00 per 100 euro prima che la corsa inizi, abbiamo un potenziale utile di 400 euro e una perdita potenziale di 100 euro.

La corsa inizia e piazziamo la nostra scommessa LAY alla metà delle probabilità, quindi a 2,50 per il doppio della quota, quindi 200 euro.

Se la scommessa LAY viene abbinata allora vinciamo qualunque cosa succeda.

I possibili scenari sono:

1- Il cavallo perde e non riesci ad abbinare la nostra scommessa LAY
2 – Il cavallo perde, ma riesci ad abbinare la nostra scommessa LAY
3 – Il cavallo vince

Nel primo scenario avresti perso la tua scommessa di Euro 100 e la tua scommessa lay non si abbinava. Ciò comporta una perdita complessiva di 100 Euro.

Nel secondo scenario avresti perso la tua scommessa di Euro 100, ma la tua scommessa LAY è stata abbinata in modo che avresti vinto 200 Euro sulla tua scommessa. Questo è un utile di 100 Euro prima della commissione o 95 Euro dopo la commissione al 5%.

Nel terzo scenario vinceresti 400 Euro sulla scommessa BACK ma perderesti 300 Euro sulla tua scommessa LAY. Ciò comporta un profitto di 100 Euro prima della commissione, o 95 Euro dopo la commissione al 5%.

Per adottare questo metodo di scommesse, dobbiamo individuare cavalli che potrebbero correre bene piuttosto che cavalli che vogliano vincere.

Non importa se vincono basta che loro quote diminuiscano di almeno il 50% in corsa.
Per fare questo bisogna analizzare la corsa in tre fasi:

1 – Determinare il ritmo tipo della corsa che sarà eseguito
2 – Determinare il tipo di cavallo più adatto alla gara
3 – Annotare i cavalli che soddisfano le condizioni del passo gara nella fase due

Una volta che hai fatto questo, allora puoi esaminare la forma complessiva dei cavalli che hai segnato per assicurarsi che siano in grado di competere nella corsa.

Dopo possiamo analizzare i prezzi dei cavalli in gara?

Per fare questo puoi usare il sito Timeform che mostra le quote alte e basse dei cavalli in gara.

Stiamo cercando un cavallo che raggiunga il 50% del suo BSP in un significativo lasso di tempo.

Se sei disposto a scavare ancora più in profondità, puoi specificamente controllare le quote in gioco per le corse con un tipo di ritmo simile alla gara che stai analizzando.

Un altro approccio per trovare i cavalli è affidarsi alla statistica, e per questo esistono in rete servizi specifici a pagamento e gratuiti come PATTERNFORM (patternform.co.uk) che analizza giornalmente tutte le corse disponibili e rende possibile consultare tabelle e statistiche relative a cavalli, fantini etc.

Il dobbing può essere un ottimo modo per fare profitti con un livello di rischio più basso e più alto strike-rate rispetto alle normali scommesse vincenti.

La tecnica del dobbing è quindi un BACK TO LAY con obbiettivo del raddoppio del tuo stake, ma non necessariamente devono essere rispettati questi parametri.

Possiamo tranquillamente abbassare il nostro profitto ed “accontentarsi” magari del 50 o 65 o 75 % del nostro stake, basta calcolare la quota LAY giusta con il giusto stake che ci consentirà di raggiungere il profitto prefissato.

Questo è abbastanza semplice se utilizziamo un software di trading che ci permetterà di operare sul ladder e cliccare sul nostro ALL GREEN desiderato, diversamente bisognerà utilizzare un semplice calcolatore punta/banca che possiamo trovare in rete.

DOPPIO DOBBING

Il doppio dobbing o DDOB permette di raddoppiare la vostra vincita ma aumenta anche il rischio.

Proprio come il DOBBING, dobbiamo piazzare il nostro BACK prima dell’inizio della corsa e 2 scommesse LAY in running.

Vediamo un esempio:

BACK DI Euro 10,00 su un cavallo a 12.0

LAY di Euro 10,00 a quota 6.00

LAY di Euro 20,00 a quota 3.00

Quindi:

  • se nessuno dei due LAY è abbinato perdiamo Euro 10,00

  • se è abbinato il primo LAY (6.00) recuperiamo i nostri 10 Euro e non vinciamo o perdiamo niente

  • se è abbinato il secondo LAY (3.00) vinceremo Euro 20,00 quindi il doppio del nostro stake.

SPLIT DOBBING

Un altra tecnica di dobbing è lo Split Dobbing il cui obbiettivo è di vincere di più se il tuo cavallo vince la corsa e realizzare comunque un profitto anche se non vince ma riesce ad abbinare le quote in LAY.

Vediamo l’esempio:

BACK di Euro 10,00 su un cavallo a 12.00

LAY di Euro 10,00 a quota 6.00

LAY di Euro 10,00 a quota 3.00

Quindi:

  • se nessuno dei due LAY è abbinato perdiamo Euro 10,00

  • se è abbinato il primo LAY (6.00) recuperiamo i nostri 10 Euro e non vinciamo o perdiamo niente

  • se è abbinato il secondo LAY guadagneremo 10 Euro, ma se il nostro cavallo vincerà la corsa allora guadagneremo 40 Euro (110 – (50+20))

Il DOPPIO DOBBING e LO SPLIT DOBBING funzionano comunque per le selezioni che hanno una quota pari 4,50 o superiore.

Come per tutte le altre operazioni di trading anche con il Dobbing è opportuno adottare gli Stop Loss, ma di questo ne parleremo in seguito anche perchè gli Stop Loss, quando la gara è in running, richiedono una particolare conoscenza delle corse sulle quali andremo ad operare.

Se sieti interessati ad avere qualche nozione di base in più sull’ippica inglese potete seguire questo gruppo :

https://www.facebook.com/groups/profitby/

Buon trading a tutti.

Massimo Tamburini


  •  
  •  
  •  
  • 3
  •  
  • 51
  •  
  •  
  •  
  •  
    54
    Shares