•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 104
  •  
  •  
  •  
  •  
    104
    Shares

Ti spiego come funziona questa cosa, pregandoti di non fraintendermi e cercando di capire una cosa che, per il mio modo di pensare, è veramente fondamentale: non esistono soldi facili, ma si può fare facilmente soldi se sai come fare e hai un grande senso di rispetto, per la tua azienda di trading e per i soldi stessi.

Dai, rispettare i soldi, in primo luogo, non vuol dire corrergli dietro. Se ti alzi la mattina per i soldi, vendi il tuo tempo, i tuoi affetti, trascuri la famiglia, gli amici, il cane, per i soldi, non hai capito nulla.
I soldi sono solo la conseguenza di una attività svolta bene, il premio. La testimonianza della tua caparbietà, dei tuoi sacrifici.

Me lo ripeteva sempre, il mio primo mentore sulla libertà finanziaria, Don Onto.
Don Onto, è sempre stato una specie di mito per me.

Quando faceva le sue prediche in chiesa, quasi nessuno lo capiva, specie quando diceva che il paradiso è in terra e sta a noi saperlo trovare.

Ho questo grande rimorso, cioè di aver voluto fare di testa mia per un sacco di anni. Avevo l’idea che il guadagno venisse fuori solo dal sudore della fronte e da tante ore di lavoro. L’equazione, tante ore uguale a tanti schei, ha governato la mia vita per una serie di anni. Tanti e lunghissimi anni, dove mi sono perso una parte di quella vita e ho venduto il mio lavoro in cambio di soldi.
Mi ero perso una massima del prete. Eppure, egli, non perdeva occasione per ripetermi questa frase: “Non inseguire i schei, ma vagli incontro“. Mi diceva questa frase con affetto, con una dolcezza impalpabile e aggiungeva spesso: “quando io sarò in pensione, tu sarai un industriale“.

Ci sono arrivato ad essere un industriale, molto prima di quanto aveva previsto il prete, perché lui non andò mai in pensione, continuando a macinare affari su affari.

Questa cosa di non inseguire i soldi, anzi, i schei, come mi insegnò il prete, non era facile da capire, ma fu veramente la svolta della mia vita e un giorno mi piacerebbe raccontare questi aneddoti in un webinar motivazionale sul denaro, ma credo non sarebbe di interesse per tante persone.

Ecco, detto questo e detto pure che non finirò mai di ringraziare il prete, anche per tutte quelle messe che mi faceva servire da bambino, ma per le quali ho ricevuto una corretta educazione sul denaro e sulla ricchezza, passerei all’argomento di questo post: La roulette e come è meglio starci alla larga se siamo persone che corrono dietro ai soldi.
Già detto, ma ripeto per chi sta leggendo per la prima volta di questo argomento che, la roulette, per poterci guadagnare con costanza, non deve assolutamente essere considerata un gioco. Anzi, quando capitate su certi siti, dove vi spiegano le le tecniche “impossibile perdere”, ma che bisogna partire dal concetto che è tutto un gioco, meglio iniziare a mettersi le mutande di lamiera, perché siamo in un sito dove la cosa migliore che ci possa capitare, è prenderla nel culo.
Mi scuso del linguaggio, ma devo parafrasare in modo inequivocabile la situazione.

In questi siti, il guadagno non è parlarvi della roulette, ma farvi entrare “nei pochi siti dove le tecniche funzionano”, quindi, nei siti dove gli amici vincenti, vincono solo le generose commissioni di affiliazione.

Bene: la Roulette, NON è un gioco.

Partiti da questo concetto, vi avevo promesso di fare un webinar sull’argomento e penso che potremo trasmetterlo entro una decina di giorni, se interessa ancora a qualcuno.

In tal caso, fatemelo sapere con un commento qui sotto.

Di cosa parlerò in questo eventuale webinar sulla roulette?

Del concetto di pazienza.

Guardate la foto qui sotto.

Fare soldi con la roulette. Il paese dei balocchi esiste. Leggi qui che ti do l'indirizzo.

Vedete, mi sono messo li tranquillo. Zero non usciva da da un certo numero di volte e ho iniziato a puntarlo. Con 50 centesimi di rischio, ti pagano 18 sterline.

Una bella proporzione rischio rendimento.

Come avrete notato dalle frecce rosse, non ho dovuto attendere chissà quanti spin per prendere un buon profitto.
Ho speso 2 sterline e ne ho incassate 18.

Durante la giornata, di questi ritardi ne accadono molti. I numeri sulla ruota, sono 37, ma ci sono anche decine di combinazioni di numeri da contare.

Dopo un primo periodo di cazzeggio, dove devo anche ammettere che mi è andata di culo, perché, se ripenso adesso a cosa ho fatto le prime volte, devo proprio dire che ho avuto del culo, mi sono messo a ragionare sulle eventuali probabilità che possano essere portate a favore del giocatore del trader.

D’altra parte, sono partito con un bonus di 5 sterline e quelle ho rischiato, anche se non erano mie, però, mi ci sono messo di impegno, rinunciando anche, molte volte, a pulire la mia camera e il bagno.

Sì, ho utilizzato il tempo che dedicavo alle pulizie per capire bene come essere quello che inchiappetta, invece di essere quello inchiappettato.

Sapete come è suddiviso il mondo?

Esattamente a metà.

Metà di noi possono essere metìnculi, l’altra metà predìnculi. Ci si alza la mattina e si deve iniziare a correre, un po’ come il leone e la gazzella in Africa, solo che ho la sensazione che preferirei essere sbranato dal leone.

Comunque riassumerei con questa frase del prete: Non conta se sei metìnculo o predinculo, l’importante è che inizi a correre.

Ok, parlavo della pazienza.

Ti faccio vedere altre operazioni di gioco trading sulla roulette di oggi.

Come sempre, non guardare le cifre. Guarda il margine di errore.

Metto uno, prendo uno e cinquanta.

Metto due sterline e cinquanta e le perdo.

Ne metto sette e ne prendo diciotto.

Vi spiego, le due e cinquanta centesimi, sono per una combinazione. Sto contando e so che nell’arco di x spin, verrà fuori, oppure mi stopperò.
Quando passo da quella somma a sette, non sto solo raddoppiando per la prima combinazione, ma ho già contato il tempo per una seconda combinazione.
Mica mi metto a dire: “mannaggia, mannaggia, sono già dentro e adesso come faccio, moriremo tutti, perderò la villa al mare” . Entro anche per la seconda combinazione. Le probabilità stanno venendo dalla mia parte, porco zio, dalla mia parte, perché sto coprendo il campo sempre di più.

Vi ho mai detto che ho giocato a rugby?

La vittoria in questo gioco, deriva da quanto campo si riesce a controllare.

Uguale nella vita, uguale nella roulette.

Come finisce?

Bene, direi bene. Prendo la prima combinazione. Raddoppio la seconda nello spin successivo e mi prendo pure quella.

Un piccolo particolare. La prima delle due combinazioni, è fatta di due combinazioni e le prendo tutte e due nello stesso spin.

soldi roulette tecniche per vincere alla

Nella foto sopra, la seconda combinazione. Quindi, diventerete matti, quando capirete che ho preso 3 volte in questi due spin. Lo so che diventerete matti, perché ho rischiato di diventarlo pure io.

Ultima cosa che mi piace mettere in evidenza, con la foto sotto, è far capire come continua la serie.

Metto cinquanta centesimi e li perdo.

Si tratta di un ritardo di un colore. Poco rischio e poco guadagno e vederla così, ma si tratta di un raddoppio.
Con lo spin successivo, ci sono due combinazioni, la prima del colore in ritardo, che prendo e la seconda combinazione che prendo al tiro successivo.
Sono un figo?

Sì, ma non per queste cose. Qui, l’unica cosa che c’è da capire, è come gestire il money management, quando sapersi fermare, per perdita e anche per guadagno.

Tutto qui.

Bene, amici carissimi, se siete interessati ad approfondire il tema, e mica arrivando dal primo che passa, ma proprio con me, mettete un bel commento qui sotto e organizzerò un webinar popopopo straordinario su questa cosa nel giro di una decina di giorni.
Pensavo comunque di farlo a metà settimana, verso le 21 italiane. Ditemi anche se andrebbe bene come orario e aggiungete “sempre sia lodato il prete”.

Il paese dei balocchi esiste, adesso che hai letto, sai anche l’indirizzo.
Che il profitto sia con te. Sempre sia lodato il prete.

Max W. Soldini

Massimo Pava

 

 

 

 

 

 


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 104
  •  
  •  
  •  
  •  
    104
    Shares