•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Giovedì, ho passato il pomeriggio in sala trading in compagnia di Paolo Serafini, per farmi illustrare una nuova tecnica di scalping che da diverse settimane sta testando con un discreto successo.

Ho promesso di non parlare pubblicamente di questa cosa, perché si tratta di una di quelle tecniche che, una volta rivelate, non danno risultato essendo praticate in massa.

Qui, nasce la mia considerazione sul segreto de trading e della gelosia che alcuni trader afferrati possono avere su determinate loro “viste” e tecniche di trading.

In effetti, ci sono tecniche di trading che ottengono un maggiore successo, quanto sarà maggiore il numero di trader che le praticheranno nello stesso identico mercato, più o meno, allo stesso livello di prezzo.

Potrebbe essere il caso di un calicetto di Paolo Serafini, Oppure dell’altrettanto rinomato Uncino del texano trader Joe Ross.

Si tratta di tecniche efficaci, ma che raggiungono molta più forza quando il numero dei partecipanti diventa elevato.

Un po’ la stessa considerazione che facciamo quando ci accodiamo all’azione delle mani fotti, in occasione delle frequenti ramazzate che danno al mercato.

Molte volte mi è stato chiesto, quale sia la convenienza delle mani fotti a non cercare di fregare anche noi.

La risposta, è semplice, ma anche interpretabile in due diverse modalità.

La prima, è che le mani fotti, rafforzano la loro azione molto di più, se altri trader, contratto dopo contratto, si accodano al loro movimento.

La seconda interpretazione, è che, non appena finito il nostro ruolo di compartecipanti al massacro dei trader, siamo a nostra volta esposti al colpo di coda del mercato. Un atto perpetrato solo per tentare di fottere anche le nostre sostanze, perché in questo ambiente non esiste pietà.

Per questo motivo, parliamo sempre di accontentarci delle briciole che possono scaturire da questi movimenti esplosivi. Per questo, parliamo di gratta e scappa.

Molto diversa, è la situazione quando un trader, mettiamo sempre ad esempio Paolo Serafini, lotta contro il mercato, operazione dopo operazione, utilizzando l’ausilio del book.

Qui non parliamo di esplosione, guerra o altre comparazioni belliche complicate, piuttosto di un sopraffino assalto all’arma bianca, uno contro uno.

Si tratta, per lo più, di azioni di guerriglia, o operazioni legate al lavoro, (molto sporco), di un cecchino in cima ad un campanile.

Evidentemente, una volta scoperto il cecchino, questo non otterrà più alcun vantaggio dalla sua posizione.

Insomma, se Paolo Serafini andasse in giro a dire “Sono qui!”, sarebbe scoperto ed eliminato nel giro di pochi click.

Questo è uno dei segreti del trading, so che può dare fastidio a qualcuno, ma so anche che, per molti altri si tratta di rispetto delle capacità che si sono accumulate nell’arco degli anni.

Nel nostro centro studi per il profitto nel trading, ci ritroviamo spesso a discutere come poter incrementare le entrate.

Qui ritorno al caso del pomeriggio di cui ti parlavo sotto il titolo.

Serafini, mi ha spiegato una nuova tecnica per avere una opinione oltre alla sua sulla resa monetaria del suo utilizzo.

Devo dire che, ha illustrato con semplicità sconfortante una situazione sembratami una cagata pazzesca.

Più che una tecnica di  trading scalping, ricordava una cosa campata in aria e se non fosse stato per la profonda stima che nutro per Paolo Serafini, non avrei dedicato nemmeno un secondo alla questione.

I primi tre tentativi, a distanza di qualche barra, (parliamo di un time frame ad un minuto), non hanno portato a nessun risultato positivo, o negativo. Tanto che, con l’intento di canzonare il mio amico e fortunato trader, gli ho detto che se dovevo starlo ad ascoltare avrebbe dovuto darmi mille dollari.

“Max, ti do mille dollari se queste cose non funzionano. Mettili in beneficenza dove vuoi tu”.

Proferendo queste parole, Serafini ha tracciato una linea nel grafico. Te la faccio vedere qui sotto.

indicatore serafini, fare soldi con il nasdaq.

-Il prezzo, nel Dax, andrà qui sotto e poi ripartirà per andare a toccare li sopra. Faremo cinque punti buoni al ribasso e almeno altrettanti al rialzo. Ciao, Max, io vado a fare spese con mia figlia, dimmi t, come va a finire.

-Paolo, prepara i mille dollari e beato te che hai anche la suocera a fare spese.

Beh, l’immagine parla chiaramente, il prezzo è arrivato dove Serafini aveva appena detto e scritto.

Tanto che, ho dovuto telefonargli per dirgli di dovergli io mille dollari.

Dai, siamo praticamente alla vigilia di Natale, passerò questi giorni a guardarmi gli storici con questa operatività, non si sa mai: Magari, prima, o poi, Serafini mi autorizzerà a parlarne meglio di questa operatività di trading.

Tanti auguri di buon Natale e non pensare sempre a i soldi  😀

Max W. Soldini


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •