•  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

Buongiorno amici, eccoci arrivati al trentesimo appuntamento della Ivy Crypto of the Week. La Ivy Crypto di questa settimana è Dock, una Criptomoneta che viene usata anche come protocollo per incoraggiare lo scambio tra diverse piattaforme di dati delle persone che trovano lavoro, occupazione e creano reti professionali.

Se vuoi leggere tutte le Ivy Crypto of the Week, vai qua.

Data di Fondazione

Dock (DOCK) è stata fondata nel 2017 dagli imprenditori seriali statunitensi Nick Macario ed Elina Cadouri.

Tipo di Blockchain

Dock (DOCK) è un token ERC20 che opera sulla Blockchain di Ethereum dove gli utenti formano tra loro una rete di pubblicazione-sottoscrizione ad hoc. Non è necessario uno scambio diretto del pacchetto tra l’utente e l’applicazione poiché anche i pacchetti di dati crittografati vengono parzialmente replicati da altri nodi. Questi nodi non possono decifrare ciò che è memorizzato nei pacchetti in quanto sono stati crittografati con la chiave pubblica dell’applicazione. Dock consente di scoprire e risolvere l’integrità di questi pacchetti senza che l’originatore debba essere online. Se il mittente è online, tuttavia, la scoperta dei dati dovrebbe essere considerevolmente più veloce. I creatori di dati devono essere online solo se i dati da loro inviati sono nuovi e non sono mai stati pubblicati nella rete in precedenza. Tutti i titolari di token possono presentare proposte e votare le modifiche e gli aggiornamenti che vorrebbero vedere implementati. Le applicazioni ricevono token per lo scambio di dati e gli utenti hanno il controllo assoluto sui loro dati attraverso l’uso di un servizio di terze parti ospitato.

Applicazioni

Negli ultimi anni le piattaforme centralizzate hanno rivoluzionato il modo in cui le persone trovano lavoro e occupazione, creano una reputazione e reti professionali. Di conseguenza, queste piattaforme mantengono la proprietà di enormi quantità di dati e informazioni di professionisti che esistono solo all’interno di queste reti chiuse. Le applicazioni sono disincentivate dalla condivisione di informazioni e dati a causa del mercato competitivo e della loro dipendenza dalla monetizzazione dei dati a fini commerciali. Ogni piattaforma vuole mantenere un vantaggio rispetto ai suoi concorrenti. Dock mira a risolvere questo fondamentale problema di accaparramento dei dati implementando un protocollo che incoraggia effettivamente lo scambio di dati tra piattaforme. Dock consentirà agli utenti di assumere il controllo dei propri dati e di scambiarli tra le applicazioni, motivandole simultaneamente per lo scambio di informazioni rendendolo vantaggioso per entrambe le piattaforme coinvolte nella transazione. Sono soddisfatti sia gli utenti che i bisogni primari delle applicazioni. Gli utenti ottengono il pieno controllo dei propri dati e le applicazioni ricevono un compenso per lo scambio di dati. A gennaio 2019 Dock ha stretto una partnership con Experty, un marketplace per professionisti e utenti da connettere. Esistono due tipi di account, uno per i professionisti che offrono i loro servizi e uno per coloro che necessitano di consulenza da un professionista qualificato e controllato. Sempre nello stesso mese Dock ha iniziato a collaborare anche con CanYa, una piattaforma australiana di servizi basata su app che consente di esternalizzare servizi locali, commerciali e professionali a fornitori locali verificati in una determinata comunità.

Roadmap

L’ ultimo aggiornamento ufficiale da parte dell’azienda sulla roadmap risale al 21 dicembre 2017 tramite il proprio profilo Medium. Arriva fino al primo trimestre del 2019, dove è stata indicata una fase che apre l’ecosistema agli sviluppatori e ai dati di processo salvati attraverso il protocollo. Per il resto del 2019 e per il 2020 non sono state ancora definite delle milestones precise.

Mining

Dock non può essere minata. L’ azienda ha stabilito una total supply di un miliardo di token così distribuita:

– 30% tramite vendita pubblica

– 30% tramite l’incentivazione dell’ecosistema

– 20% per il team

– 10% in cold storage (tradotto in inglese “conservazione a freddo”, ovvero mantenimento di una riserva offline)

– 6% per gli investitori

– 4% per gli advisors

Team

Dock viene sviluppata dalla Dock, unazienda con sede a San Francisco, California. Il membro del Team più rilevante è il cofondatore Nick Macario, imprenditore seriale statunitense entusiasta delle soluzioni veramente innovative che risolvono problemi fondamentali e trasformano le industrie. La sua precedente azienda era branded.me, un sito di networking professionale che è cresciuto fino a milioni di utenti ed è stato riconosciuto per numerosi premi e pubblicazioni. Ha cofondato anche Remote.com con la visione di creare la piattaforma numero uno al mondo per il lavoro a distanza. E’ arrivato ad avere oltre tre milioni di utenti e ha creato centinaia di migliaia di posti di lavoro.

RANGE DI PREZZO: 0,1 $ alla quotazione, con un picco di 0,2 $ a marzo 2018.

PRINCIPALI EXCHANGE DI QUOTAZIONE: Dock è quotata su tutte le Principali Borse di Mercato, con una posizione su Coinmarketcap oscillante tra il quattrocentesimo ed il cinquecentesimo posto delle monete più capitalizzate.

Ci vediamo la settimana prossima con un’ altra moneta. Nei prossimi giorni lanceremo il sondaggio per la votazione delle prossime due “IVY Crypto of the Week”. Venite nel Club per ottenere il diritto di voto!

guadagnare assieme

Un vincitore è un sognatore che non si è mai arreso.

Alberto Vischio

Amicaborsa has no rights on the Dock Logo which rights belong to the legitimate owner


  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share