•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ho sempre confessato di non essere un trader a tempo pieno.

Giornalmente, mi capita di effettuare una media di due, forse tre operazioni. Talvolta non riesco nemmeno ad operare. Questo perché svolgo altre attività. E direi menomale, in quanto non riuscirei a stare davanti al monitor tutta la giornata.

Sono tanti i trader, o aspirati tali, che non riescono ad effettuare operazioni nei momenti migliori della giornata, come le ore successive all’apertura della sessione europea (dalle 9 alle 11), oppure quelle in cui troviamo aperte le borse europee e quelle americane (dalle 15.30 alle 17.30). Allora, per evitare di rimanere “flat” per troppo tempo (del resto questo mestiere ha l’obiettivo di fare profitti), si potrebbero effettuare delle operazioni che si basano sull’osservazione di grafici più lenti, tipo il giornaliero o il 4 ore, senza rinunciare, però, ai soliti rapidi calcetti al barattolo.

Questa è l’operazione che ho fatto oggi, 26 maggio 2015, sul CFD dell’indice Nasdaq scadenza giugno 2015. guardate il grafico qui sotto, è a 4 ore.

Immagine 2

Se non lo avete notato, l’idea dell’ingresso al rialzo è nata dalla presenza del supporto che ho evidenziato con i cerchietti color ciclamino, e dal fatto che il prezzo è fuoriuscito di molto dall’area delimitata dalle bande di bollinger, area che sappiamo contenere il 96% delle quotazioni, e un ritorno del prezzo sino ad un test della banda inferiore è più che probabile. La tecnica di ingresso è rappresentata da un semplice hunter stop di Paolo Serafini, ampiamente trattato nel Manuale. Con la riga orizzontale rossa, vi indico dove sono uscito con il primo determinante profitto veloce, perché lo scopo del mio trading è quello di fare piccoli profitti costanti. Qui sotto, come prosegue l’operazione su un grafico a 15 minuti.

Immagine

Ma sappiamo che la tecnica di ingresso è l’ultima cosa. Qui ognuno poteva entrare in mille modi diversi, con la rottura della barra d’inversione, con l’osservazione di timeframe più veloci, pregando, saltellando, scorreggiando, col fischio o senza, applicando una corretta gestione del trade, il risultato finale non sarebbe cambiato. Questo perché il ragionamento a monte, l’interpretazione dell’intenzione delle “mani fotti”, si è rivelata valida.

Il resto dell’operazione rimarrà aperta “overnight” e interpretata come posizione multiday, gestendola con il mio smartphone in trailing stop sul grafico a 4 ore. Vedremo se avrà la forza di farmi guadagnare somme inaspettate.

A presto. Sebastiano.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •