•  
  •  
  •  
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    2
    Shares

Zillo, ma come mai sei preso così duro con le Criptovalute? Come mai pensi che potranno davvero rivoluzionare tante infrastrutture per come le conosciamo noi ora?

Siediti, che lo Zillo, in modalità Papà Castoro ti racconta una storia.

Qualche tempo fa mi sono aperto un conto bancario su una Banca interamente digitale, e ovviamente era giunto il tempo di chiudere il conto sulla banca fisica italiana che mi stava costando più di 5€ al mese. Trascuro il motivo e la modalità con cui sono arrivato a pagare questa cifra, che sono infatti stati fra i motivi che mi hanno portato a chiudere.

Dunque la settimana scorsa vado a chiudere il conto, baci e abbracci con la persona che mi aveva sempre seguito, una lacrimuccia perchè perdeva sicuramente una provvigione sul mio conto (e un altro), tanti cari saluti e a “mai più rivederci” sotto un tetto bancario.

Attento perchè la storia si inizia ad infittire: ieri avevo appuntamento ad un CAF autonomo per risparmiare tempo a compilare la dichiarazione dei redditi: sì, con il CAF, spiegandogli io quello che devono inserirmi, risparmio soldi e tempo. O almeno così era andata fino a pochi giorni fa.

Ovviamente per fare la Dichiarazione Redditi (ex-modello Unico), devo ovviamente avere in mano gli Estratti Conto. Ma il mio conto bancario che utilizzavo era stato chiuso. WTF!!!
Erano le 21.40 di martedì sera, e in un flash di illuminazione controllo l’orario di chiusura del Supporto Clienti di questa banca. Chiudevano alle 22. Chiamo, mi risponde un ragazzo, gli spiego la situazione e mi spiega che lui non poteva aiutarmi e sarei dovuto passare dalla filiale.

Nessun problema. La mattina dopo mi presento nella filiale più vicina perchè pochi giorni prima mi avevano pure rifatto il Bancomat. Sapevo di andare sul sicuro!
Arriva il mio turno, e la ragazza gentilmente mi dice che loro non potevano darmeli, in quanto era la filiale che aveva emesso il mio conto corrente a dover rilasciare gli Estratti Conto.

Non ci potevo credere: nemmeno dopo essermi identificato con i documenti potevano darmi i miei estratti conto e dovevo andare alla filiale di emissione. Ovviamente non mi passava nemmeno per la testa andarci, in quanto avevo un sacco di altre faccende da sbrigare, dunque faccio inoltrare comunicazione di invio, e “per non saper nè leggere nè scrivere” mi faccio dare il numero di telefono dell’incaricato alla procedura. Erano le 11.00. Avevo appuntamento alle 15.30 in provincia di Verona, al CAF.

Alle 11.30 chiamo il responsabile per sapere come stesse procedendo, comunicando la mia urgenza per ricevere i documenti: mi chiede se posso passare dalla filiale.

Ormai stentavo davvero a crederci. Estratti conto disponibili solo nella filiale di emissione del conto, e per averli sarebbe stato meglio che passassi?
Passare per la filiale ovviamente non era ancora minimamente nelle mie idee, e quindi ho chiesto la mail, arrivata peraltro puntualmente alle 13.30.

Ero pronto per andare al CAF

Appuntamento alle 15.30. Ore 15.31 varco la soglia. Mi chiamano alle 15.55. Si inizia benissimo.
Mi presento ovviamente con una chiavetta, contenente tutti i documenti. Avresti dovuto vedere la faccia della Responsabile mentre mi diceva: “Ma ha davvero tutto lì dentro?”

Respirando profondamente le rispondo: “Dove pensa che li possa avere?”

“Mi dispiace, non accettiamo chiavette. Vogliamo solo cartaceo, così poi lo scansioniamo e lo mandiamo agli uffici centrali che controllano le pratiche di situazioni all’estero”

Ero senza parole. Sono solo riuscito a sbiascicare un “Ma sta scherzando?”, senza nemmeno ricordarmi che nella mail promemoria che mi hanno mandato non era specificato di presentarsi con i documenti in forma cartacea, e inscenando magari un bel teatrino che poteva valermi il servizio gratis. Ma questo è un altro discorso.

Riassunto della giornata:
– Se vuoi degli estratti conto, non basta il Database centrale della Banca, ma devi andare nella filiale che ha emesso il Conto.
– Per avere i documenti devi passare dalla filiale, perchè via e-mail è più difficile
– I documenti vanno stampati per poterli poi scansionare.

E poi chi chiediamo se le Criptomonete non siano semplicemente delle predestinate a rimpiazzare tutte queste inefficienze burocratiche, e inettitudini umane?

Pensa solo alla Blockchain che non ti fa pagare un tot al mese per mantenerla attiva, anche se non la usi.
Pensa alla Blockchain che tiene traccia (pubblica ma criptata) di tutte le transazioni effettuate.
Pensa che grazie a questa tracciabilità delle Criptovalute, la dichiarazione dei redditi fra poco potrebbe avvenire in automatico

Le Criptovalute brillano di luce propria, ma battere il sistema burocratico tradizionale è fin troppo facile.

La partenza è ciò che ferma la maggior parte delle persone

Mike Zillo

 


  •  
  •  
  •  
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    2
    Shares