•  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  • 63
  •  
  •  
  •  
  •  
    64
    Shares

Ben ritrovati su Amica borsa.

Questa settimana parliamo di un argomento di valenza assoluta nel trading.

Parlo della psicologia nel Trading.

Ciò che mi ha spronato a scrivere, è stata un’operazione che ho eseguito in questi giorni, ed è giunta a compimento questa notte.

In quest’operazione che vi parlo e che troverete anche un’immagine più avanti, c’è tantissima psicologia, perché nel gestirla, c’è voluta davvero tanta forza e pazienza.

E’ un’operazione sulla coppia valutaria EUR/AUD rialzista su un grafico a quattro ore, sulla conformazione di un pattern di Wolfe che io definisco “Selective”, per le caratteristiche che propone.

C’è chi dice che il trading è fatto solo di analisi fondamentale, chi mette avanti l’analisi tecnica, chi una tecnica piuttosto che un’altra, io metto avanti il fattore psicologico prima di tutto.

Andiamo a inserire la figura così ve la commento.

Se notate bene dopo la conformazione del pattern (evidenziato con dei triangoli verdi, per distinguerlo meglio) sono entrato a mercato al rialzo, dopo qualche candela che ha confermato la mia vision, c’è stato un crollo (la candela rossa ribassista più lunga sulla vostra destra), quella è avvenuta a seguito delle notizie positive sul dollaro australiano.

Sapete, che cosa avrebbero fatto in molti (neofiti) in quella situazione?

Avrebbero chiuso la posizione, e magari per recuperare la perdita, avrebbero aperto al ribasso, dopodiché…boom, il mercato riprende a salire.

Io cosa ho fatto invece? L’ho lasciata stare, perché già prima di entrare avevo pianificato e calcolato il costo di quell’operazione.

Non è facile, ma bisogna lavorare sulla propria testa, altrimenti non si va da nessuna parte in questo “mondo”.

Ora ripropongo la figura

Il mio take profit era piazzato sul livello di 1.60, che coincideva all’incirca alla punta superiore del secondo triangolo, che poi è il punto quattro del pattern di Wolfe.

Se guardate bene dopo la salita del mercato a destra si è formata una sorta di “PIN BAR” ribassista, bene, volendo potevo chiudere quell’operazione sul massimo di quella pin a 1.5992, parecchi al mio posto l’avrebbero fatto, io no.

Anche qui bisogna avere “forza mentale” a non chiudere.

Ho postato anche un video su questa operazione sulla mia Pagina Facebook, visualizzatelo.

Ora riallacciandomi al discorso sulla psicologia nel Trading, non andate dietro a chi dice che sono “cazzate” quando si parla di emotività, perché il trading è davvero 90% psicologia e 10% tecnica, per questo il 90% perde, perché non lavora prima di tutto sulla propria testa.

Ho terminato, prendete spunto su ciò che vi ho detto e fatene tesoro.

Ciao e alla prossima.

Sergio Candiloro.


  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  • 63
  •  
  •  
  •  
  •  
    64
    Shares