•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Londra mantiene il suo status di capitale finanziaria mondiale nonostante il Brexit.: è quanto emerge da uno studio pubblicato da una società specializzata che vede la capitale inglese in testa davanti a New York e Hong Kong.

Il Brexit a quanto pare non sta avendo l’impatto temuto sull’attività finanziaria della città di Londra. La capitale britannica, considerata il centro economico più importante d’Europa, rimane in testa alla classifica tra i centri più importanti al mondo nonostante le preoccupazioni per le conseguenze sulla prossima uscita dall’Unione Europea.

Lo studio di cui vi vogliamo parlare oggi viene pubblicato da una società cinese specializzata a partire dal 2007 e mette a confronto 92 città in giro per il mondo in base a determinati parametri stabiliti a priori. Il risultato dell’ultima analisi, pubblicata proprio in questi giorni, vede Londra al primo posto davanti a New York ed Hong Kong che in questa speciale classifica ha scavalcato Singapore.

Più che dalle posizioni in sè, ciò che di interessante emerge da questo studio riguarda quello che sta succedendo a queste città. Spieghiamoci meglio.

Il risultato dell’analisi viene messo sotto forma di indice con il quale viene assegnato un punteggio. In base a questo indice Londra ha perso solamente due punti rispetto al calcolo precedente mentre New York ne ha persi 24. Come si spiega tutto ciò? È presto detto.

È vero che il Regno Unito deve fronteggiare il Brexit (ed i negoziati non sono per niente facili come abbiamo visto in questo articolo) ma è anche vero che New York si trova di fronte a problemi allo stesso modo rilevanti: su tutti quello che sembra preoccupare di più gli intervistati riguarda le politiche commerciali annunciate da Donald Trump che potrebbero creare difficoltà alle aziende che scambiano con l’estero.

La situazione se vogliamo è molto simile a quella di Londra ma visto che al Brexit manca ancora un anno e mezzo, al momento il problema più imminente sembra quello della città americana. Altre considerazioni interessanti che possono essere tratte da questo studio riguardano realtà minori come Amsterdam, Dublino e Francoforte, tutte in ascesa grazie all’interessamento dei grandi istituti bancari che stanno cercando un’alternativa alla capitale inglese nel caso in cui non si trovasse un accordo soddisfacente con l’Unione Europea.

Per il momento dunque non c’è da preoccuparsi dalle parti di Londra: chissà se questo risultato in qualche modo calmerà le acque agitate in cui si è trovata la città in questi ultimi tempi. Tantissime aziende hanno minacciato di andarsene ma per la convenienza di tutti è possibile che in futuro non se ne faccia più nulla.

Non ci resta che aspettare per scoprirlo.

Buon Trading a tutti

Manuale Pratico Del Trader Sportivo, Betfair, Trading, Matckbook, Scommesse, Betting, Guadagnare Soldi Online, Scommesse Sportive, Calcio, Tennis, Basket,


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •