•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 23
  •  
  •  
  •  
  •  
    23
    Shares

La mente saltella tra il passato e il futuro. Sfugge il presente. Le previsioni. Il tempo. Lo spazio. Arresta il fiume di pensieri. Tutto si rivela.

 

Vorrei cominciare col farti un paio di domande.

Sei capace di non pensare a nulla quando vuoi? Sai liberarti della tua mente?

Provaci. Chiuditi da solo in una camera e chiudi gli occhi. Quanto tempo sei capace a restare in silenzio senza essere disturbato dai tuoi pensieri. Sperimentalo su te stesso prima di rispondere alla domanda.

A meno che tu non sia un “illuminato”, non ne sei capace. E’evidente quindi come la mente, inconsapevolmente, attraverso il pensiero, ti usa. E tu identifichi te stesso, erroneamente con quel pensiero.

Quella voce che ti ronza nella testa, frutto del pensiero, che commenta, riflette, giudica, si confronta, si lamenta, esprime piacere o dispiacere, compete, discute per far valere le proprie ragioni etc. etc. e spesso non è nemmeno pertinente con ciò che ti sta accadendo, poiché magari sta rivangando il passato o sta cercando di prevedere situazioni future. Insomma oscilla come un pendolo; tra ciò che è stato e tra ciò che tu vorresti che fosse!

Ma una mente occupata non è una mente creativa, tanto meno intuitiva. Quindi sempre incline all’errore.

Qui non si tratta più di pensare diversamente, ma di non pensare affatto.

Vincè non capisco. Ma cosa stai blaterando! Mi stai chiedendo di non pensare? Come faccio a restare senza pensare? Cosa sono “io” senza il mio pensiero?

Aspetta. Tieni a freno i tuoi pensieri!

Mi spiego meglio. Affinché la tua mente riesca a vedere ciò che veramente è, deve essere del tutto immobile, silente, priva di pensiero poiché quest’ultimo è quello che genera e alimenta l’Ego, e ti porta all’errore di identificarti con esso.

Prova ad osservare i tuoi pensieri. Ti renderai conto ad un certo punto che dentro di te c’è un Osservatore  “che osserva il tuo pensiero”.

E’ la tua consapevolezza.

Quindi l’OSSERVATORE è la tua CONSAPEVOLEZZA, mentre l’OSSERVATO (cioè il tuo pensiero) è il tuo EGO.

Quando la mente è calma, attenta e presente, smette di oscillare tra ciò che è stato e tra ciò che vorrebbe che fosse. Tra passato e futuro. In questo intervallo di “non tempo” – il presente – ogni paura, ogni desiderio, ogni avidità scompare.

L’ego nel presente non esiste. Esiste solo nel tempo psicologico di passato e futuro.

Dopo che impari ad osservare il tuo Ego e a non negare la sua esistenza, il tuo “nuovo” pensiero comincia a mutare. Diventa sempre più consapevole. Sempre più vicino alla verità.

Allora le tue paure diminuiscono, e desideri si attenuano, l’avidità diventa sempre più fievole e cominci ad accontentarti di quello che hai, di quello che sei riuscito a guadagnare. La tua consapevolezza impara a gestire il tuo Ego.

Voglio farti un esempio pratico.

Ti sarà sicuramente capitato un trade vincente con un buon guadagno…..quando   cominci a farneticare con la mente che puoi guadagnare  molto di più e a pensare come spendere tutti quei soldi ……ma all’improvviso vedi quel vantaggio acquisito che va via via assottigliandosi fino addirittura a sparire.

Ecco. Questo accade quando l’Ego prende il sopravvento! Cioè quando smetti di prestare attenzione a quello che stai facendo e rivolgi la tua attenzione al futuro.

La mente invece quando diventa consapevole, è libera dal dialogo interiore involontario e dentro di te c’è quiete e ti suggerisce sempre cosa fare.

Ti fa chiudere una posizione in loss o in pofit prima del tempo, prima che sia troppo tardi.

Il silenzio della mente è consapevolezza senza pensiero.

Segui con la massima attenzione ogni tuo trade e resta sempre nel presente e lascia fare le previsioni ai metereologi.

 

Stay Alert

 

Vincenzo Frascella


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 23
  •  
  •  
  •  
  •  
    23
    Shares