•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Nella giornata di oggi, ultima seduta della settimana, non mancano di certo le cose da raccontare: profondo rosso per il Petrolio che perde oltre il 4%. Male le borse europee, in positivo invece Wall Street che beneficia dei dati positivi sul lavoro di oggi pomeriggio.

Partiamo per una volta proprio dal mercato del greggio: la notizia del giorno è che l’Arabia Saudita si è detta intenzionata a non congelare la produzione se altrettanto non farà l’Iran. Reazione piuttosto violenta al ribasso per entrambi i contratti petroliferi: il WTI di New York perde il -4,20% tornando a quota 36,73 $ al barile mentre il Brent di Londra perde il -4,04% a quota 38,70. Questo a dimostrazione del fatto che i timori espressi dalla FED circa l’andamento del petrolio erano ampiamente fondati.

È stata una giornata in rosso anche per le borse europee con il Dax di Francoforte che ha chiuso l’ultima seduta della settimana con un -1,71% a quota 9.794 punti mentre il CAC di Parigi ha chiuso con un -1,43%. Tra le principali piazze europee la peggiore è stata Milano con il FTSE MIB che cede il -1,88% ritornando sotto quota 18.000 punti (chiusura odierna a 17.776). Tra i peggiori del listino ancora una volta Banco Popolare (-4,63%) anche se il peggiore oggi è stato FCA (-4,86%). Male anche Telecom (-3,48%).

Sono in positivo invece le borse americane spinte dai dati positivi sul lavoro di oggi pomeriggio. Non-Farm Payrolls oltre le attese (215mila posti contro i 206 attesi) e salari in crescita (dello 0,3%). Aumenta leggermente la disoccupazione che passa dal 4,9% al 5%.

Il Dow Jones in questo momento guadagna +0,55% seguito a ruota dallo Standard&Poor 500 (+0,52%) mentre meglio di tutti sta facendo il Nasdaq con un +0,78% a quota 4.907 punti.

Giornata a due facce quella del Dollaro sul mercato valutario: praticamente invariato nei confronti dell’Euro (EurUsd +0,10% a quota 1,1392), molto bene invece nei confronti della Sterlina inglese con GbpUSd che cede il -1,03% a quota 1,4214. In ribasso anche Dollaro-Yen che cede il -0,76% a quota 111,73.

Molto bene l’Euro nei confronti della Sterlina con EurGbp che ha sfondato quota 0,80 (+1,14% a quota 0,8014).

Diamo un’occhiata infine al mercato dei metalli preziosi dove regna il segno rosso: Oro in ribasso del -1,17% a quota 1.221 $ l’oncia mentre ancora peggio fa l’Argento che cede il -2,64% a quota 15,01. Male anche il Platino (-2,02%) mentre è quasi invariato il Palladio (-0,16%).

Bene amici con il trading online abbiamo finito anche per questa settimana. Inizia il weekend e quindi passeremo al Trading Sportivo sulle scommesse.

Non ci fermiamo mai.

Buon trading e buon fine settimana a tutti

manuale-del-trader-idiota-300x300


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •