•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Anche in giornate come quella di oggi, in cui ho dovuto rispettare impegni che nulla hanno a che vedere con il trading, sono riuscito a sbarcare il lunario con una velocissima operazione di scalping sul CFD del Nasdaq. Si tratta di un derivato molto volatile, che anche con un grafico a 5 minuti può formare i nostri più affezionati pattern con movimenti anche di 30-40 tick.

Naturalmente, non voglio che vi buttiate con questo tipo di operazioni su questi sottostanti, perché vi assicuro che sono molto insidiosi, lo spread è un poco altino rispetto alle commissioni dei contratti regolamentati, e si rischia di farsi molto male se non si utilizza lo stop loss, o non si sa bene cosa fare. Vi invito, quindi, a provare questo tipo di operazioni, iniziando con pochissimi microlotti, con l’obiettivo di arrivare a fare trading su un mercato regolamentato con questo tipo di derivati.

Bando alle ciance, vi posto il grafico a 5 minuti del CFD del Nasdaq, scadenza giugno 2014.

 Immagine

Come vedete, sono entrato al ribasso con 5 minilotti, con la tecnica del calicetto di Paolo Serafini, formatosi su un buon punto d’incontro, quello indicato dalla resistenza color ciclamino.

Il primo target, l’ho fissato a 14 punti dall’ingresso, in quella zona in cui il prezzo precedentemente ha tentennato nella sua salita, formando un piccolo ritracciamento lungo l’uptrend. Proprio lì, ho chiuso i soliti ¾ di posizione, nella speranza che le quotazioni tornassero a scendere, dopo il lungo rialzo che dura ormai da giorni. Ma si sa che chi visse sperando, morì cagando. Il prezzo è tornato indietro, e mi ha stoppato il restante quarto un punto sotto l’ingresso. Ecco il grafico a 5 minuti, qualche minuto dopo.

 Immagine 2

In nove minuti, 22 dollaroni e 50 centesimi, la metà del gain che avrei fatto con un contratto di mininasdaq.

Che il profitto sia con voi ragazzi.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •