•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

In questi ultimi due giorni il mercato delle Altcoin contro Bitcoin ha visto un verde diffuso e anche abbastanza intenso. Credo comunque sia presto per parlare di Altcoin Season per alcuni motivi.

Analizziamo intanto cosa può generare una Altcoin Season e le dinamiche che possono portarvici.

Prima Osservazione: quando Bitcoin aumenta di prezzo in maniera graduale, le Altcoin calano il loro prezzo contro Bitcoin. Il motivo è abbastanza semplice: la maggior parte dei traders che operano sui mercati Altcoin/Bitcoin sono retail, ovvero con size del singolo trade solitamente inferiori ai 5.000$ di controvalore. Una size di questo genere può essere in genere facilmente assorbita dai mercati Altcoin/Bitcoin, ma sarà difficile che gli istituzionali pongano tanta attenzione su questi mercati proprio a causa della scarsa capitalizzazione.
Essendo i trader retail dunque i clienti prevalenti dei mercati Altcoin/Bitcoin, questi rappresentano una fascia di persone con un tasso emotivo tendenzialmente superiore agli istituzionali. Dunque appena BTC sale, vendono le proprie posizioni in Altcoin per “zompare” sopra il cavallo momentaneamente vincente di Bitcoin.

Seconda Osservazione: i mercati delle Altcoin si deprezzano (contro Bitcoin) molto quando Bitcoin aumenta il suo prezzo contro il dollaro. Questo è ancora dovuto alla minor capitalizzazione dei mercati Altcoin/Bitcoin rispetto al mercato Bitcoin/USD (o stable coin USD – pegged). Ti faccio un esempio: supponi che il mercato di una Altcoin abbia 100.000$ di liquidità, mentre il mercato Bitcoin/dollaro abbia 100.000.000$ di liquidità. Il rapporto delle liquidità è di 1:1000, questo vuol dire che, indicativamente, per generare una variazione di prezzo del 1% sul mercato più capitalizzato (Bitcoin/dollaro in questo esempio), nel mercato meno capitalizzato avremmo potenzialmente una variazione del 1000%.
Questi numeri sono abbastanza reali, in quanto mentre scrivo, 100.000$ equivalgono circa a 12 Bitcoin di transazioni, mentre il volume transato sul mercato BTC/USDT è di circa 500 milioni di USDT. Un rapporto 1:5000.

Terza Osservazione: appurato il fatto che se BTC sale, le Altcoin perdono terreno in maniera percentualmente amplificata rispetto al prezzo di BTC/USD, assisteremo circa alla stessa dinamica nel momento in cui Bitcoin dovesse ritracciare. Le persone perdono fiducia in BTC, e “zompano” sulle Altcoin, causandone dei pump amplificati secondo la stessa proporzione spiegata nella Seconda Osservazione.

Se qualcosa non vi è chiaro, lasciate un commento o voi che passate e sarò contento di rispondervi con le delucidazioni del caso.

Questa è la dinamica della relazione fra le Altcoin e Bitcoin durante i movimenti di Bitcoin. A quando quindi la prossima Altcoin Season?

Una Altcoin Season potrà dunque verificarsi sotto due scenari: il primo, durante una discesa di Bitcoin, a cui seguirà distribuzione dei volumi sulle Altcoin secondo il meccanismo precedentemente descritto.
Il secondo scenario lo vedo simile e parallelo a quanto successo a fine dicembre 2017, ovvero un ingresso massivo di volumi nuovi, che inevitabilmente hanno fatto alzare i prezzi di Bitcoin e dei vari token.

Insomma, le buone operazioni è stato facile farle in questa situazione, poichè la maggior parte dei mercati “andava su”. Ho avuto anche io dei discreti risultati con una plusvalenza secca su ETH/USDT e un paio di profit tradizionali su CND e XLM che riporto qua di seguito.

Bitcoin Bullrun

CND: 12% di profitto in 6 giorni
XLM: 5% di profitto in 1 giorno
ETH: 2% di plusvalenza secca in 2 giorni

Sono buone operazioni, oltre ad alcune fatte su BTC, in ottica di accumulo con orizzonte temporale a medio termine.

Nel frattempo, vi segnalo questa analisi di ieri, che ho pubblicato su Tradingview e che sembra stia interessando un pò di persone. I punti di controllo (POC) li ho trovati a 9097$ nel caso di ribasso e 9600$ nel caso di rialzo. La rottura di questi livelli mi farebbe assumere rispettivamente atteggiamento Bearish o Bullish.
Se vi va, lasciate un bel like (pollicione in su) e un commento, così da alimentare un sano dibattito tematico.
Oggi abbiamo assistito ad un bell’aumento del prezzo di Bitcoin, ma senza un congruo aumento dei volumi (anzi, direi proprio che come volumi siamo un pò sottodimensionati).

Attenzione al largo OI (Open Interest) e ai volumi molto bassi perchè già nelle prossime ore si potrebbe ballare forte.

La partenza è quello che ferma la maggior parte delle persone

Mike Zillo


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •