•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

I mercati di Oro ed Argento ultimamente sono stati protagonisti di un ribasso marcato che ha portato molti a pensare che dietro ci fosse una speculazione in atto. Perchè a guardare i fondamentali non c’è in realtà una motivazione tale da giustificare quanto è successo la scorsa settimana.

Aiutiamoci con i grafici così la situazione ci sarà più chiara. Questo è il contratto continuo dell’Oro (ovviamente parliamo di derivati regolamentati, i contratti futures)

Oro

Fonte: www.tradingview.com

mentre questo è il contratto continuo dell’Argento

Argento

Fonte: www.tradingview.com

Per capire quali sono state le motivazioni di questi movimenti andiamo ad analizzare cosa è successo a livello macroeconomico in quei giorni (fatti che ovviamente possono aver influenzato quei mercati): se vi ricordate, ne abbiamo parlato anche noi qui su Amica Borsa, tra martedì e giovedì della scorsa settimana si sono rincorse le voci secondo cui la BCE starebbe pensando di alleggerire la sua politica di stimolo all’economia riducendo la quota di Quantitative Easing. Voci che sono circolate per un paio di giorni ma che poi sono state smentite con una nota ufficiale direttamente dalla Banca Centrale Europea.

Se la BCE decidesse effettivamente di iniziare ad invertire la rotta della sua politica monetaria questo significherebbe che la situazione dell’economia nell’Eurozona sta migliorando. E se migliora l’economia europea aumenta anche la fiducia nell’Euro. Come abbiamo detto e ripetuto più volte l’andamento dell’Oro è strettamente collegato all’andamento delle valute ed in particolare alla fiducia che gli investitori hanno in esse.

Questa è una prima spiegazione.

La seconda riguarda invece il Dollaro ed in particolare il rialzo dei tassi che voci sempre più insistenti danno per novembre-dicembre. Anche qui il discorso è lo stesso: un rialzo dei tassi d’interesse significherebbe un miglioramento dell’economia USA con conseguente stabilità per il Dollaro.

Sono due fatti che sono interconnessi tra loro e che potrebbero spiegare, almeno in parte, quanto avvenuto per Oro ed Argento.

Questa è una spiegazione che convince fino ad un certo punto perchè dietro sembra esserci l’ombra della speculazione. In molti hanno accusato le banche centrali, ree di mandare giù volutamente il prezzo dell’Oro per sostenere le loro politiche monetarie. Un parere sulla stessa lunghezza d’onda (e piuttosto autorevole) è quello del World Gold Council, la principale associazione delle aziende aurifere al mondo, che parla di “movimento che sembra guidato dalla speculazione legata alla riduzione dell’acquisto di titoli da parte della BCE insieme al possibile rialzo dei tassi USA a dicembre”.

È interessante anche la prospettiva per il futuro che il WGC fornisce: stando a quanto riportato sul loro sito i prezzi bassi risulteranno in un aumento di domanda di Oro fisico da parte di piccoli investitori, investitori di lungo periodo e di banche centrali. Già proprio le banche centrali che in tanti accusano di manipolare il mercato dell’Oro.

Come sempre, la risposta non la avremo mai. I nostri sono ragionamenti che partono da presupposti reali ma quello che succede al mercato non è mai prevedibile e spiegabile fino in fondo.

Attenzione però che stiamo parlando di Oro cartaceo e c’è sempre un mondo parallelo, quello dell’Oro fisico che come sappiamo, ha i suoi vantaggi a prescindere dall’andamento del prezzo sui mercati.

Ci sentiamo stasera.

Buon Trading a tutti

Manuale Pratico Del Trader Sportivo, Betfair, Trading, Matckbook, Scommesse, Betting, Guadagnare Soldi Online, Scommesse Sportive, Calcio, Tennis, Basket,


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •