•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Un saluto come sempre a tutti gli appassionati di Trading di Amica Borsa.

Giornate borsistiche che in seguito anche alle varie notizie che riguardano la situazione greca, hanno ripreso un po’ di volatilità, nello specifico stamattina bella accelerazione del mercato nelle prime fasi di contrattazioni, per poi invertire il trend e recuperare il movimento, come al solito la possibilità di sfruttare questa inversione si è presentata su vari titoli azionari in particolare su Banco Popolare, dove la figura di possibile inversione era abbastanza evidente.

bp 15 min

Questo il grafico del titolo nel 15 minuti, dopo l’apertura con la seconda barra forte accelerazione ribassista, dove il titolo perde circa 20 tick, la terza barra è di possibile inversione, attendo la rottura rialzista per tentare il buy, ma la successiva non rompe al rialzo, ma all’interno del range della precedente mi riconfigura un’altra barra di possibile inversione. La quinta barra rompe al rialzo entrambe le due barre di inversione e allora entro in buy  a 14.32 con 500 azioni che corrispondono a 5 euro a tick, con stop 1 tick sotto il minimo della mia barra di ingresso a 14.25, target il possibile recupero della precedente barra di forte accelerazione ribassista.

Inversione del mercato e di conseguenza del titolo che con 2 barre mi raggiunge il target prestabilito a 14.48, dove chiudo l’operazione con 16 tick di gain, il titolo poi prosegue la sua risalita ma io ho preferito uscire al volo al raggiungimento del mio target, ovviamente una gestione diversa poteva essere appunto quella di lasciar correre la posizione gestendola in stop profit, ma nell’intraday io preferisco quasi sempre uscire a target.

Il pattern di inversione era ben evidente anche nel 30 minuti:

bp 30 min

Ciao a tutti alla prossima.

Matteo Cantoni

Forex, Trading, Master, Scalper, Trade, Borsa, Borsa Italiana, Paolo Serafini, Max W. Soldini, Stop Loss, Calicetto, Il Manuale Del Trader Idiota, Gain,

 


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •