•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

È stato il Petrolio l’attore protagonista della prima seduta della settimana sui mercati finanziari. Bene le borse americane, giornata abbastanza piatta invece per Oro e Argento.

Sono state le notizie a far salire il prezzo del greggio ai massimi da 7 mesi: prima Goldman Sachs che ha reso nota la notizia secondo cui nel mese di Maggio il mercato ha iniziato una fase di deficit nella forbice tra domanda e offerta a cui si sono aggiunte le notizie che arrivano dalla Nigeria riguardo un’esplosione su un sito estrattivo nella regione del Delta.

Il mercato non ha tardato a reagire ed il prezzo del Petrolio in giornata, soprattutto in corrispondenza dell’apertura americana ha avuto forti movimento al rialzo tanto da far arrivare il Brent vicino alla soglia dei 50 $ al barile. In questo momento la situazione è leggermente rientrata ma il WTI guadagna comunque il +2,79% a quota 47,51 $ al barile (massimo di giornata a 47,85) mentre il Brent fa segnare un +2,11% a quota 48,84 $ al barile (massimo di giornata a 49,47).

Sicuramente una giornata all’insegna della volatilità per quanto riguarda il greggio. Di contro è una giornata abbastanza tranquilla fino a questo momento per quanto riguarda i metalli preziosi: l’Oro guadagna il +0,14% a quota 1.274 $ l’oncia mentre l’Argento quota +0,28% a 17,18 4 l’oncia. In positivo anche Rame (+0,68%) Platino (+0,10%) mentre è in territorio negativo il Palladio (-0,32%).

Passiamo alle borse dove come sappiamo era bank holiday in Francia, Germania e Svizzera. Senza Dax e Cac focalizziamo la nostra attenzione sul FTSE MIB di Milano che ha chiuso la seduta poco sopra la parità (+0,04%) a quota 17.737 punti. Positiva la giornata dei bancari: migliore del listino è stata Fineco (+3,61%) insieme a Banco Popolare (+3%). Tra i peggiori di giornata troviamo Yoox (-3%), FCA (-1,46%) e Unicredit (-1,44%).

Bene anche Londra con il FTSE 100 che ha chiuso con un +0,21%.

Positiva anche la seduta degli indici americani: a Wall Street Dow Jones ed S&P 500 guadagnano il +0,89% mentre la migliore performance di giornata è del Nasdaq (+1,15%).

Chiudiamo con il mercato valutario dove abbiamo assistito ad una giornata contrastata per il Dollaro americano: leggermente in negativo nei confronti di Euro (EurUsd +0,09% a quota 1,1323) e di Sterlina (GbpUsd +0,15% a quota 1,44), in positivo invece nei confronti dello Yen giapponese (UsdJpy +0,38% poco sopra 109 punti).

Poco sotto la parità invece EurGbp che fa segnare un  -0,09% a quota 0,7862 punti.

Buon Trading a tutti

Il Manuale Del Trader Idiota


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •