•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Eccoci alla terza puntata sul Piano di accumulo in Criptomonete.

In questo video vado a spiegare come ripartisco il mio portafogli delle Criptovalute per il medio periodo. Tieni sempre bene a mente una cosa: sicuramente mi senti spesso parlare di Trading (anche mentre dormo), ma in questi video mi riferisco unicamente a Criptovalute e Tokens che ritengo interessanti da tenere su un orizzonte temporale di qualche anno. Dunque non presto molta attenzione al prezzo momentaneo di acquisto, in quanto l’orizzonte temporale è ben più lungo di una piccola oscillazione in un ordine di tempo, più piccolo.

La logica che adotto è sempre la stessa: tenere la percentuale maggiore allocata in Criptovalute consistenti e utilizzare una piccola parte per una diversificazione più rischiosa, speculativa e con un rapporto Rischio/Rendimento un pochino più forte. Un Piano di Accumulo di Criptomonete in fondo, prevede di operare con la mentalità della formica, non della ranocchia.

Le Altcoin che menziono nel video non sono tutte quelle che sto comprando, in quanto alcuni token collegati alla DeFi godranno di buona visibilità e potrebbero diventare dei player importanti nel panorama della Decentralized Finance.

Ultimo video della serie sul Piano di Accumulo, con cui spero di aver dipanato dubbi e diratato della nebbia.

Dalla prossima settimana cambio argomento dei video.

Trading o applicazioni della Blockchain?

Un altro punto di vista sul piano di accumulo puoi trovarla nel mio libro, recentemente pubblicato e scontato in questi giorni grazie al numero di vendite già avvenute, grazie ad Amazon stessa. Le Criptovalute come bene limitato e che potranno assistere ad un possibile grande apprezzamento grazie anche all’avvento tecnologico della Blockchain.

Lo puoi facilmente trovare qua

Imparare le Criptovalute

A voi la scelta e se avete altre proposte, comunicatele pure. Se possibile le esaudirò!

La partenza è quello che ferma la maggior parte delle persone

Mike Zillo


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •