•  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

Molti parlano di Copy Trading, Mirror Trading, Social Trading, ma in verità, l’obiettivo è che il prodotto sia poi sostenibile e durabile nel tempo.

Sviluppare un sistema di Mirror Trading è facile sulla carta. Un Master Trader lancia una posizione e tutti i conti la copiano. Semplice come parlare di tanti argomenti fighissimi, sulla carta, ma che poi non si ha idea di come attuarli. Insomma, un po’ come ripetere a memoria i libri di crescita personale e poi avere la mente chiusa come un riccio d’inverno.

Ma passando oltre, cosa rende davvero efficace un Copy Trading che volesse eventualmente svilupparsi sulle Criptovalute?

I casi sono due: si cerca si strutturare un sistema sui derivati, che grazie alla sufficiente liquidità non hanno troppi problemi a recepire anche qualche centinaia di migliaia di dollari di controvalore. Altrimenti si opera sulle Altcoin e ci si prepara però a seguire a singhiozzo il mercato a causa della liquidità non sempre sufficiente per entrare a mercato in un range di prezzo ragionevole.

Ecco dunque alcune idee che mi sono fatto dopo alcuni mesi di crash test del Copy Trading.

Per prima cosa, bisogna sempre avere una chiara idea di quanto volume si sta muovendo, così da valutare la size che si andrà ad immettere nel mercato. Alcuni mercati delle Altcoin possono recepire “consapevolmente” anche fino a 5 Bitcoin in condizioni di mercato regolari fra cui i mercati che muovono almeno 1000 Bitcoin nelle 24 ore di operatività.

Perchè serve monitorare i volumi mossi? Per due motivi principali: il primo è ovviamente la ricettività del mercato a fronte di un volume mosso. La seconda è che in un Conto Copy non è consigliato usare ordini di ingresso di tipo market, a meno di una grossa densità di volumi vendita sopra il nostro livello di ingresso e che possano quindi recepirlo. Recepirlo e senza un eccessivo slippage, che è quanto distante andiamo a comprare l’ultima frazione in ingresso con un ordine inserito a Market e non in modalità Limit.

E i requisiti della piattaforma?

Beh, per prima cosa, deve essere facilmente accessibile per utenti non-professional. Interfaccia grafica comprensibile, pochi ed essenziali comandi.

La latenza deve essere al massimo di pochi secondi per evitare di perdere treni in corsa.

E i Master Trader come si fanno pagare?

Beh, quelli professionali, a mio avviso, dovrebbero solamente trattenere una percentuale sul profitto, mentre spesso e volentieri si vedono delle commissioni flat mensili non indifferenti. Insomma, pagare 40€ al mese per farsi gestire il conto non lo trovo un grande affare, in quanto il Trader potrebbe essere meno incentivato a dare del suo meglio sul mercato. Inoltre, qual è la size del conto che uno deve avere e quale deve essere il profitto fatto per coprire tale costo? Su un capitale di 1000€ si dovrebbe fare il 4% al mese. Una percentuale che ritengo onesta, ma non sempre facilemente raggiungibile. Tutti metterebbero 1000€? Si riuscirebbe tutti i mesi anche solo a coprire le spese per la commissione di gestione? Avrebbe senso un Conto Copy in cui se ti va bene copri le spese ma se ti va male, finisci sotto ogni mese?

Fin qua tutto bene, ma non pensare che sia sufficiente. Questi sono alcuni degli accorgimenti tecnici che è bene avere nella costruzione di un sistema di Mirror Trading. E le performance del Trader?

Beh, in questo caso, siamo di fronte a un dualismo operativo: quelli che lavorano mediante API (lasciando dunque i tuoi soldi, sul tuo conto) e quelli invece che vogliono avere i tuoi soldi sul loro conto.
Nel primo caso, oltre agli aspetti tecnici della piattaforma, alla lucidità gestionale del Trader, entra in gioco uno storico che dovrai valutare accuratamente.
Nel secondo caso, vale tutto quanto appena detto, ma ahimè, spesso e volentieri si assiste allo svuotamento del conto, scomparsa del Trader e talvolta addirittura la scomparsa del Broker.

Insomma, ci vuole del lavoro per integrare un Conto Copy, ma nel Crypto Ivy Club la discussione è accesa e i risultati si stanno gradualmente consolidando.

Mentre se hai sentito parlare di Conto Copy ma non sai bene cosa siano le Criptovalute e come possano rappresentare anche per te un’opportunità, la via più semplice di accesso che mi sento di consigliarti è la lettura del mio libro di ultima pubblicazione. Prima sapere, poi fare.

Imparare le Criptovalute

La partenza è quello che ferma la maggior parte delle persone

Mike Zillo


  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share