•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 60
  •  
  •  
  •  
  •  
    60
    Shares

La domanda non è precisa: sarebbe meglio chiedersi “come è legale Bitcoin”?

Come sempre, quando esistono sistemi regolatori, la legge non è sempre uguale per tutti: può cambiare da privato ad azienda, da nazione a nazione, e anche da Tribunale a Tribunale.

Attento. Non c’è vena polemica. Ti propongo una semplice presa di coscienza.

Come avevo scritto in questo articolo, la tassazione per le Cripto Monete differisce dal privato alla società.
Ovviamente esistono differenze fra le nazioni per quanto riguarda la legge. E fin qua non ci sarebbe nemmeno da stupirsi: come in Europa puoi avere alcuni diritti sanitari, in America ne avrai degli altri. Ma se un europeo è in America e si sente male, si sa perfettamente cosa può fare, cosa gli spetta e cosa invece deve procurarsi da solo.

Anche i Tribunali possono trovarsi a camminare in zone d’ombra e sta pertanto al giudice o alla Commissione, interpretare la legge per trovare la miglior idoneità con il caso in esame.

In un momento di tale incertezza, cosa fare e cosa non fare?

Se usi il principio della “buona fede” raramente sbaglierai. Se invece sfrutterai le Cripto Monete per provare a fare il furbo, è possibile che qualcosa prima o poi vada storto.

In pratica, se paghi servizi in Cripto Monete, è tutto regolare. La patata bollente è nel venditore che si trova in possesso di Cripto, scambiate con un servizio. Dovrà fare pagare l’IVA? E le tasse sull’eventuale plusvalenza dal momento della ricezione al momento della liquidazione?

Se sei un venditore, assicurati di confrontarti con un commercialista adatto, con le giuste competenze e background nel settore e che possa indirizzarti verso la giusta contabilizzazione di questi asset digitali.

Il caso Ross Ulbricht sicuramente passerà alla storia (nonostante sia di appena 5 anni fa), poichè l’e-commerce creato nel Deep Web e per cui si usava Bitcoin per i pagamenti di merce “fuori mercato” era sicuramente roba grossa. Poteva essere un tentativo di sovversione, poteva essere un precursore della rivoluzione, ma anche in questo caso, forse ha giocato male le sue carte. La sua pena è di due ergastoli, e di vari anni per i suoi collaboratori, molti dei quali hanno patteggiato in cambio di informazioni.

Sicuramente non è stata la partenza a fermare Ross, ma probabilmente il procedimento non proprio apprezzato dalle autorità americane che sono rigide sulle tematiche fiscali, e considerano l’evasione fiscale un reato contro lo stato.

Sfrutta le Cripto, usa le Cripto, sostieni le Cripto, studia le Cripto. Ma se farai il furfante, tuo danno.

La partenza è ciò che ferma la maggior parte delle persone

Michele Zillo


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 60
  •  
  •  
  •  
  •  
    60
    Shares