•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

A inizio anno 2019, chi avrebbe scommesso sulle borse?

Eppure, abbiamo Milano che, ad oggi, sfiora un 30% di profitto, migliore piazza europea, seguita a ruota da rendimenti da non scartare di moltissime altre piazze.
Eppure, andando a guardare nel profondo, ci sono strumenti e altri titoli che hanno reso di più. Se. poi, andiamo a fare una stima dei rendimenti degli ultimi dieci anni, ci ritroviamo rendimenti che fanno venire il mal di testa.
Guardate la classifica dei rendimenti degli ultimi 10 anni:

Bitcoin: +8,990,000%
Netflix: +4,177%
Amazon: +1,787%
Mastercard: +1,126%
Apple: +966%
Visa: +824%
Starbucks: +800%
Salesforce: +792%
Adobe: +790%
Nike: +587%
Microsoft: +556%
Costco: +542%
Disney: +423%
Google: +335%
McDonald’s: +325%

Impressionanti, vero?
Quali potrebbero essere gli asset per l’anno 2020?
Partendo da un ipotetico portafoglio di 100 mila euro
Beh, oltre a un portafoglio di titoli, nei quali inserirei, se non già compreso, Bitcoin, Netflix, Amazon. Andrei, invece, corto, con moderazione su titolo Enel bilanciando con un acquisto su Edf, cercando un profitto sullo spread generato. Starei, comunque intorno al 40% del portafoglio.
Non ci sono solo titoli, però, per creare attività.
Allocherei quindi una parte del 3% del mio portafoglio su operatività di trading sulle scommesse sportive, orientandomi sul generare profitti matematici con l’utilizzo dei bonus di benvenuto offerti dai vari bookmaker.
Questa tecnica, ancora poco conosciuta in Italia, può generare una rendita vicina al 20% nel giro di 30, o 40 settimane.

Altra possibilità di un buon rendimento, è un conto gestito con Amazon Semplice. Qui, si tratta di farsi indirizzare da una struttura tecnica nella compravendita di merci che saranno poi distribuite da Amazon. Somma impegnata tra 5 e 8 mila euro.
L’ultima parte del capitale disponibile, con un orizzonte di circa 12/15 mesi, lo allocherei a metà nel settore dei NPL immobiliari, (rendimento vicino al 25% annuo), ovviamente tramite una struttura specializzata e la restante quota, in quote di operazioni immobiliari negli Stati Uniti.
Questo non è un consiglio operativo, ma solo come impiegherei io una tale somma.
In ogni modo, non investite mai soldi che non vi potete permettere di perdere.
Ci sentiamo a fine 2020 per vedere se queste considerazioni erano corrette e quanto avrebbero generato in profitti o perdite.
Che il profitto sia con voi.
Massimo Pava


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •