•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Dai, anche oggi diamo un calcio al barattolo con una buna operazione di Scalping sul Nasdaq, ovviamente utilizzando dei contratti mini.

Sono entrato con la tecnica del Calicetto di Paolo Serafini, con un grafico a cinque minuti, l’ho reputata buona perché la barra timone (candela giapponese in questo caso), dopo una ampia escursione verso il basso, ha chiuso in positivo.

Questa, è una delle barre che in sala trading prediligiamo. Guarda il grafico qui sotto.

scalping sul nasdaq, max soldini, diventare ricco.

Ho cerchiato la figura classica del Calicetto di Paolo Serafini e le frecce rosse, ti indicano dove sono entrato e uscito dal trade.

Non chiedermi dove avrei posizionato lo stop loss, dato che non lo inserisco in punti, ma in denaro.

La perdita massima per questo trade, sarebbe stata di 40 dollari comprese le commissioni.

Una cosa importante che ti voglio dire, è che quando faccio queste operazioni sul mini Nasdaq, osservo anche il grafico del mini S&P, dato che anticipa leggermente il movimento, specie quando è intensivo.

Guarda che questa non è una regola, ma un punto di vista nato dall’esperienza su questo mercato.

L’operazione non è durata più di un minuto e il profitto è, tutto sommato soddisfacente.

Se non fossi uscito, avrei comunque preso uno stop loss. Guarda il grafico sotto.

Scalping con il calicetto

Cosa ti voglio dimostrare con questo secondo grafico?

Intanto che stiamo facendo operazioni di brevissimo termine, quindi che puoi vedere il prezzo darti ragione o torto, nel giro di qualche secondo. Devi anche annotare che, il mio traguardo, finché non ho capitalizzato il conto come si deve, è di fare cento dollari al giorno di profitto.

solito discorso, soldi veri, mica storie.

Quello sopra, è quanto ho realizzato con questa operazione. Solito discorso, si tratta di un conto con denaro reale, a scanso di equivoci.

Per oggi, il mio trading termina qui.

Che Dio benedica il Calicetto!

Max W. Soldini


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •