•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 77
  •  
  •  
  •  
  •  
    77
    Shares

Si sta svolgendo il torneo di Acapulco, li ci sono giocatori della mia lista e seguo le partite, ma devo tenere conto degli orari, perché si fa la nottata immersi nel trading sportivo.

Questa notte, ho seguito Nadal Kyrgios, una bella partita con kyrgios molto contestato dal pubblico, visibilmente schierato verso Nadal.
Nadal, è nella mia lista di giocatori e ho scelto di seguirlo questa notte anche se non da molto spazio allo scalping, in quanto, parte sempre con quote molto basse e le stesse restano mantenute tali per molte parti del match.
Ovviamente, per i miei ragionamenti di scalping, utilizzo un calcolatore che presto metteremo a disposizione degli iscritti al club del trader sportivo. Se non ne fai ancora parte, puoi iscriverti qui.

L’ausilio di questo calcolatore, permette di capire i livelli chiave delle quote ed è utilizzabile nel trading di molte discipline sportive.

Stavo dicendo che ho passato la nottata a seguire Nadal e sono anche riuscito a piazzare qualche buon trade, combinando anche tre cose importanti.
La prima, e questo credo sia il valore assoluto della mia vita, è poter essere alle tre di notte, di un qualsiasi giovedì di febbraio, a guardare un evento sportivo, senza avere l’apprensione di dovermi alzare il mattino successivo per andare a lavorare.
La seconda, è che guardare eventi sportivi, facendoci sopra del trading, è diventata una delle mie principali entrate.
La terza, è il livello di libertà che questa situazione mi da. Se voglio lavorare di notte, lavoro di notte, se voglio lavorare di giorno, lavoro di giorno.

Se non voglio lavorare, non lavoro.

Vorrei aggiungere anche le entrate che si possono generare con queste situazioni, ma ne parlerò una prossima volta.
Allora, in una partita del genere, Nadal parte super favorito, non tanto dai bookmaker, ma dal flusso delle scommesse, quindi, la cosa che viene più spontanea di fare, è di puntarlo, anche a quota bassa. Tanto, “se le quote sono queste, vuoi che vada a perdere?”
Questo genere di ragionamento, è la disfatta del trader sportivo e anche dello scommettitore generico. Ed è sicuro che, ragionando in questo modo, non si farà molta strada.
Anche bancare un tennista prima del match, perché ha la quota bassa, è un errore che può costare molto caro sul lungo periodo.
Quello che sto cercando di dire, senza tanti mezzi termini, è che si deve sempre avere la pazienza di aspettare il momento giusto per entrare.
in questa partita, ad esempio, non ho fatto nessuna entrata nel primo set, vinto da Nadal 6 3.
Ovviamente, appena terminato il primo set, sono entrato bancando Nadal a quota 1,10, cioè con un rischio di una sterlina per prenderne, nette, nove e ottanta.

Guarda la foto sotto.


Ecco, non è che, si arriva ad un certo punto della partita e mi invento una entrata del genere, perché, va bene che il rischio è una sterlina, ma non sono uno tanto propenso a perdere schei in questo modo e, oggi, voglio introdurti dove trovo ausilio per prendere queste decisioni.
Sai che provengo dal trading finanziario e che ho costruito la mia fortuna sull’osservazione dei grafici, dei minimi e dei massimi che sono rappresentati su di essi, ma anche sui volumi di dentro immessi in un trade ad un certo punto. ho riportato la stessa modalità nel trading sportivo, e posso assicurarti che, nella maggior parte delle volte, la cosa funziona.
Non parlo solo del tennis, ma anche di cavalli, calcio e tante altre discipline sportive.
Allora, guarda la foto qui sotto e ricordati che siamo all’inizio di un nuovo set e che il precedente, è stato vinto dal favorito per 6 a 3.


Come puoi notare, si è formato un doppio minimo in area 1,09 del grafico, in concomitanza del quale, i volumi sono aumentati in maniera spropositata.

Le cose sono 2.

Molti chiudono in profitto il trade, perché avevano puntato Nadal, anche se queste saranno le ricoperture di bookmaker che si coprono il rischio su Bet Fair, ma anche tantissimi che bancano Nadal, perché il rischio, in termini di percentuale, è molto basso.
Stessa cosa che ho fatto io.
Qui sorge il dubbio amletico di tutti gli sport trader.

E se Nadal vince?

Se vince, hai perso una sterlina, se perde, ne porti a casa nove volte tanto, ma puoi anche uscire prima, come ho fatto io, con l’ausilio del grafico.
Kyrgios, si porta a casa il secondo set dopo il tie break. La quota di Nadal, schizza, si fa per dire, a 1,70 e io giro la scommessa.
Esco poco dopo dal trade, perché basta poco e la quota ritorna bassa.
La partita continua in assoluta parità, ma non ci sono altre occasioni di entrata. Si arriva ancora al tie break e ti metto il grafico sotto nel momento in cui il risultato è 6 a 6.
Come notererai sicuramente, i volumi sono bassissimi. Non vale più la pena di fare entrate.


Una buona cassa, direi. Rischiato pochissimo e risultato per sette in base al rischio.

 

Nel mentre seguivo la partita di tennis, girava il nostro bot sulla roulette. Al momento non siamo ancora riusciti ad impostare un completo automatismo e siamo esposti all’errore umano.
Ecco, l’errore umano c’è stato e poteva costarmi molto caro.
Non ho perso, ma sono molto arrabbiato con me stesso per aver anticipato una progressione sulla mia strategia preferita.
Ho preso il doppio di quanto dovevo, ma questo genere di cose non devono succedere e essere sbadati, in questo mestiere, è un costo che non dobbiamo tollerare.

Dopo tre spin, è uscita la mia combinazione, e ho azzeccato il solito 17 due volte con lo stesso tiro.
Il fatto di aver anticipato una progressione, poteva costarmi molto di più di quanto sono riuscito a guadagnare e oggi, per darmi il modo di riflettere, la roulette rimarrà chiusa come se avessi perso.
Ok, amici, se ci sono domande su scalping sul tennis con l’ausilio del grafico e dei volumi, scrivetemi pure qui. Vi risponderò molto volentieri.
Che il profitto sia con te!
Max W. Soldini
Massimo Pava


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 77
  •  
  •  
  •  
  •  
    77
    Shares