•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 53
  •  
  •  
  •  
  •  
    53
    Shares

Salve e ben ritrovati su Amica borsa.

Oggi navigavo su Facebook come faccio di solito, non nel senso di andare a spettegolare o intromettermi negli affari degli altri, ma navigavo sul social, dopo aver dato un’occhiata alla mia pagina e ai miei gruppi.

Quando si naviga su Facebook, appaiono tantissime “ADS”, (nel mio caso sul trading e formazione, poiché è anche nei miei interessi) chi non sapesse cosa sono, glielo dico subito, sono le inserzioni, le pubblicità di prodotti o informazioni, per intenderci meglio.

C’è ne stata una che mi ha incuriosito in modo particolare, infatti, era commentata da più di cinquecento persone.

Mi sono detto: Interessante, voglio spendere un po’ di tempo a leggere questi commenti, e così ho fatto.

Bene, di quegli oltre cinquecento commenti l’ottanta per cento circa erano NEGATIVI.

Commenti offensivi verso chi proponeva le proprie conoscenze, che per altro l’autore che pubblicizzava la sua formazione, è nel campo del trading da diversi anni, ed io stesso lo ritengo capace e meritevole di essere seguito.

È vero, siamo bombardati da pubblicità di chi, promuove cosa, su Facebook, e in un certo senso posso anche capire che a qualcuno dia fastidio, la cosa migliore da fare è passare oltre e ignorare l’annuncio.

Quello che proprio non riesco a capire è:

Perché fermarsi, cliccare sull’annuncio, e poi mettersi a commentare e offendere chi cerca di aiutare qualcuno, e ovviamente tenta di tirare l’acqua al proprio mulino?

Classici commenti del tipo: “Vai a lavorare!”

Possibile che nel 2018 si facciano commenti di questo tipo?

Possibile, che si ha una mentalità talmente chiusa, e non si riesce a capire che il business oggi è sul web, sul social?

Possibile che nel 2018 si creda ancora che “Lavorare” significhi solamente alzarsi al mattino, raggiungere un luogo di lavoro (fare gli interessi e arricchire qualcun altro) star lì 8-10 ore perché è l’unico modo per percepire uno stipendio?

Possibile che non si è capito, che tramite il web, ci si può formare, senza muoversi inutilmente da casa e imparare argomenti quando si vuole e da qualsiasi dispositivo?

Non voglio passare per antipatico facendo questo tipo di domande, ma rimango veramente allibito quando la gente scrive commenti del genere.

La verità è che in Italia, ancora siamo indietro anni luce rispetto alle altre Nazioni, per quanto riguarda la formazione, lo scetticismo dilaga, è questo, non è positivo, né, per chi ha voglia d’imparare, né, per chi ha voglia di propinare le proprie conoscenze.

Questo tipo di persone, cazzeggiano perdendo il loro tempo sul social, quando potrebbero trarne dei seri profitti, ma purtroppo questo non l’hanno imparato, e si limitano a offendere chi potrebbe aiutarli a uscire dalla ruota del criceto.

Lo so, questo non è propriamente un articolo sul trading, ma ciò che ho letto mi ha talmente fatto incazzare, che ho voluto parlarne qui con voi, siamo circondati da un esercito di “leoni da tastiera”, ma poi nella realtà?

Bene, vi saluto, e ci sentiamo alla prossima!

SERGIO CANDILORO.

 


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 53
  •  
  •  
  •  
  •  
    53
    Shares