•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Nell’era digitale i Social Network la fanno da padrone nella divulgazione di notizie e, talvolta, nel “plagiare” l’opinione pubblica. Come interagiscono le Criptovalute?

Come tutti sappiamo ogni testata giornalistica possiede una pagina attiva sui Social per la divulgazione in massa di tutte le notizie, da quelle più importanti di attualità e cronaca fino alle più leggere di Gossip.

In questo modo si riescono a raggiungere anche le persone che solitamente non acquistano nessun tipo di quotidiani o periodici.

Lo scopo è quello di coinvolgere l’opinione pubblica; ma in che modo le Criptovalute entrano in questo scenario?

Beh direi che è estremamente semplice: come la stampa può condizionare il pensiero comune, anche le Criptovalute possono essere influenzate dai Social.

Prendiamo l’esempio di Bitcoin, ma non adesso, andiamo indietro nel tempo, arriviamo fino alla sua nascita.

Il Varo

Tutto ha avuto inizio su un forum “BITCOINTALK.ORG”: Satoshi Nakamoto aveva la necessità di promuovere la sua creazione e questa è stata la piattaforma che glielo avrebbe consentito.

Nei primi periodi, quando BTC non aveva un prezzo ufficiale, questa piattaforma gli dava la possibilità di conferirgli un valore monetario.

Senza ombra di dubbio ricordiamo benissimo l’utente Laszlo che pubblicò un Tread su Bitcoin Talk, dove offriva 10.000 BTC in cambio di due pizze consegnate a casa.

A quel tempo praticamente le pizze sarebbero state regalate, mentre adesso il pizzaiolo sarebbe a fare i “bagordi” in giro per il mondo (al cambio attuale sarebbero stati 81.400.000 di €)

Social Network e Criptomonete: la relazione

I Social dapprima consistevano nella condivisione di fatti personali, poi con l’incremento esponenziale di utilizzatori, coadiuvato anche da apparecchi elettronici sofisticati, si è creato un vero e proprio movimento sociale.

Tutti hanno lo smartphone con facebook e bene o male tra una condivisione e l’altra, si viene a conoscenza degli aneddoti più disparati.

Questo alle Criptovalute giova e di molto anche, perché tramite queste condivisioni si diffonde la conoscenza di questa nuova invenzione.

Addirittura non solo gli utenti parlano e divulgano l’esistenza delle Criptomonete, ma anche alcuni social stessi stanno approntando le loro Criptomonete: primo fra tutti Facebook con Lybra e a ruota Telegram.

Lasciamo stare, al momento alcuni tecnicismi che rendono Lybra una Coin particolare in quanto Stable Coin.

E’ sempre una Criptovaluta e porta a conoscenza una buona parte di persone del fatto che non esistono solo gli Euro, i Dollari, le Sterline ecc. ecc., ma esistono anche loro, le Criptomonete.

Tutto questo per far capire che se si appronta un algoritmo ben organizzato che pubblica notizie sulle Criptomonete si possono influenzare gli utenti se investire oppure no sulle Cripto: basta la tipologia della notizia per influenzare la risposta.

La responsabilità è dei media  

Occorre fare una piccola distinzione, in quanto sui social, non ci sono notizie di rilievo, noi condividiamo solamente ciò che conosciamo, quello che facciamo e ci piace.

Non pubblichiamo notizie vere e proprie, per quello ci pensano i media, le testate giornalistiche.

Noi possiamo solo condividerle se rientrano nel nostro modo di pensare.

Ecco che entra in gioco la “responsabilità” dei media.

Una buona notizia sulle Criptovalute può donare un trend rialzista (a patto che ci sia ridondanza di notizie) e gli investitori inizieranno a far capolino e successivamente investire.

La stessa cosa è successa nel 2017 quando BTC ha raggiunto quota 20.000 $ una serie di buone notizie hanno convinto traders e investitori a muoversi e si è avuto un bel Pump.

Successivamente alcune istituzioni finanziarie, hanno iniziato ad attaccare BTC sostenendo che non fosse affidabile e hanno fatto vacillare la fiducia degli investitori che hanno venduto facendo crollare il prezzo.

Come si può ben capire, i compiti sono chiari e distinti: i social portano a conoscenza le persone dell’esistenza delle Criptovalute, mentre i media ne possono portare o togliere valore.

Qui entra in gioco Facebook che avendo in cantiere una propria Criptovaluta potrà fare da Influencer in tutti i sensi, sia per portare a conoscenza, sia per dare valore.

La domanda

Dopo aver letto qualcuno si potrebbe porre un quesito (più probabilmente sarà un trader): allora seguendo le notizie che vengono date sui social o sui media, si può prevedere un cambiamento del trend di una moneta?

La risposta seguendo l’analisi fondamentale è si, però vi rimando a questo articolo!

 

Anche per questa settimana è tutto a rileggerci alla prossima!

Buon Cripto fondamentale Week End

Chi gioca per vincere non perde mai

Eros Luomoneros Silvagni

Amicaborsa non è a conoscenza di diritti di terzi sulle immagini utilizzate. Ci impegniamo a citare la fonte nel caso ci fossero e regolare la posizione se richiesto.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •