•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il trading ante post non è solo su eventi politici e, specie in Inghilterra, si può fare su molti avvenimenti, ma quello sugli sports è quello più liquido e nel tempo ha dato anche molte soddisfazioni a più di qualcuno.

Certo, bisogna sempre ricordare che, per qualche vincente, ci sono tantissimi delusi ed è bene ricordare che il tutto si basa sull’azzeccare il pronostico finale sull’evento scommesso.
C’è modo di tramutare questo genere di scommessa in una possibilità di guadagno anche nel caso l’evento da noi pronosticato non vada nel verso giusto?

Facciamo un ragionamento sulla serie A di calcio.

Come ogni anno, almeno da 10 anni a questa parte, la Juventus è la netta favorita per vincere il titolo di campione d’Italia.

E quest’anno, non sono variate le considerazioni degli scommettitori.
Qualche giorno fa, nel Gruppo Facebook “club del trader sportivo” abbiamo pubblicato la prima tabella con le quote di questo evento. Ovviamente, le quote cambieranno ogni settimana, in base ai risultati delle squadre, ma anche, ad esempio, alla disponibilità dei giocatori.

Vediamo come sono variate queste quote dopo i primi 2 turni di seria A.

La Juventus, naturalmente, rimane saldamente la favorita per la vittoria finale, non lo dico io, ma le quote. In questo articolo, andremo a vedere come si muovono le stesse durante una singola partita in base, non solo al risultato finale, proprio anche a come varia temporaneamente il punteggio.
Cercheremo di capire determinate dinamiche che possono farci costruire degli arbitraggi su taluni eventi e analizzeremo alcune opportunità che ci si presentano di volta in volta.

Ovviamente, mi riferirò alle quote di Betfair, perché ci da la possibilità, tramite il sistema punta e banca di uscire anticipatamente da una scommessa.

Quello sopra, è il grafico della quota della Juventus riferito all’andamento del mercato che stiamo discutendo.
Come si può notare, durante il match contro la Roma, seconda di campionato, la quota è schizzata da 1,86 a 2,6.
La Roma è andata in vantaggio, è stata raggiunta, è andata in vantaggio ed è stata raggiunta. Esito finale, un bel pareggio e l’oscillazione che si vede nel grafico ci sta tutta, perché, per il mercato, la Juventus ha perso 2 punti nella sua tabella di marcia verso lo scudetto.

Guardiamo, adesso, cosa è successo in altra partite e quanto può essere violento lo scostamento delle quote durante un singolo turno.

Parliamo del grafico sopra, quello dell’Inter e sarà interessante capire la dinamica di trading.

Ho segnato con le frecce l’oscillazione della quota durante il match dell’Inter contro la Fiorentina.
Sulla carta, non lo dico io, ma le quote iniziali delle scommesse di questo match, doveva essere una partita semplice, un atto dovuto, invece l’Inter ha faticato per vincere e ha dovuto farlo in rimonta.
Ora, se guardiamo le frecce sul grafico, vediamo che la quota è salita da poco sopra 2,50 a 8 per poi ritornare verso 2,50 a punteggio acquisito da parte dell’Inter.
In un primo ragionamento, potrei anche dire che, se l’Inter avesse perso il suo primo turno di campionato e la quota fosse salita anche a 9/10, non sarebbe stato scandaloso acquistarla, perché questo scostamento sarebbe stato dato più che altro dall’emotività di qualche scommettitore.

Il campionato di serie A è lungo.

Sopra, ho messo l’immagine di un ladder. Si tratta di uno strumento che uso per il trading sportivo e mi permette di avere in tempo reale delle informazioni durante una partita.
Qui, finché si giocava Inter Fiorentina, si potevano rilevare le offerte sia in punta che in banca.
Con la freccia nera e il cerchio rosa, faccio notare che sono state scambiate 80 sterline a quota 8. Ce ne sarebbero state altre 10 alla stessa quota, ma sono state inserite dopo lo scambio, come posso affermare per la disponibilità di denaro a quote inferiori.
Fantasticando che queste ottanta sterline fossero di un singolo trader o scommettitore, non credo abbia fatto un cattivo affare ad entrare a quota 8 e ritrovarsi adesso a poter gestire una quota intorno a 2,50 con il prossimo turno dell’Inter contro il Benevento e Napoli Juventus.

Come si poteva costruire un arbitraggio sulla quota dell’Inter?

Se non un arbitraggio, si poteva costruire una protezione nel momento in cui ci si fosse trovati a puntare la vittoria dell’Inter nel mercato primario.
Con l’Inter sotto e risultato apparentemente irrecuperabile, acquistare nel mercato ante post a quota intorno a 8 ci avrebbe permesso di mediare il prezzo e recuperare la eventuale somma persa nei turni successivi.

L’inter è una candidata per la vittoria finale e questo non sconta una quota alta nel mercato ante post.

Va bene, avremo tempo di parlare meglio di queste cose. Vi faccio solo vedere solo un’altra immagine.

Si tratta del book dell’Atalanta che scambiava, prima dell’ultimo turno, intorno a quota 19. Anzi, ha fatto proprio un massimo a 19, prima di di chiudere a quota 10.
Va bene, per questa volta è tutto. Guarderemo periodicamente questi mercati.
Buon trading sportivo a tutti.

Marco Pava Trader Sportivo


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •