•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 62
  •  
  •  
  •  
  •  
    62
    Shares

Dopo aver visto i sottostanti quotati sul mercato americano (che diciamolo, sono il 90% di quelli utilizzati nello Spread Trading) oggi vediamo la nicchia di quelli quotati sulla borsa di Londra.

Dico nicchia perchè in effetti non sono molto utilizzati, fatta eccezione forse per il più famoso che è il Brent, l’alternativa principale al petrolio WTI. Ma non è l’unico sottostante con cui abbiamo a che fare a Londra. Diciamo che in linea di principio troviamo le stesse materie prime ma con caratteristiche differenti: così come il Brent presenta delle caratteristiche differenti rispetto al WTI, ci troviamo ad avere a che fare con il Caffè Robusta che è la varietà più famosa insieme all’Arabica (che è invece quotato a New York) piuttosto che con lo Zucchero Bianco che è un po’ la controparte dello Sugar #11 che tante soddisfazioni ci ha dato in questi mesi.

Partiamo proprio dal più conosciuto che è il Brent: abbiamo visto in questo articolo le differenze che ci sono con il collega WTI ed insieme vengono utilizzati come riferimento per il prezzo del petrolio mondiale (di solito la qualità di Londra è più pregiata e viene di solito quotata a premio – cioè ad un prezzo maggiore – rispetto al corrispondente americano). Il mercato di riferimento è l’ICE.

A livello di sottostante sappiamo che sono tra i futures più volatili in assoluto ed anche in Spread la situazione non è differente. Vi riporto ad esempio un’operazione che abbiamo fatto proprio sul Brent che prevedeva in acquisto il contratto di Giugno ed in vendita quello di Dicembre 2016. L’operazione l’abbiamo aperta il 29 Gennaio e chiusa il 2 Marzo con un solo contratto (abbiamo descritto la nostra strategia in questo articolo) portando a casa un profitto di 530,40 $ al netto delle commissioni a fronte di un margine di 891$. Un ritorno non male visto che stiamo parlando del 59,5% in poco più di un mese.

Istruzioni per l’uso: è molto molto volatile anche in Spread, ve lo diciamo per esperienza diretta. Ricordo che appena entrati in posizione la prima cosa che abbiamo detto è stata: “ah però, volatilino il ragazzo” tanto che l’abbiamo ribattezzato il Dax dello Spread Trading (fermo restando il discorso sul fatto che la volatilità di uno Spread dipende da tante cose: scadenze, numero di gambe etc…).

Sempre per quanto riguarda il settore degli energetici abbiamo il Low Sulphur Gasoil – quotato sempre sull’ ICE – che è il corrispettivo del NY Harbor ULSD (il vecchio Heating Oil), sottostante che ci capita spesso di seguire nelle selezioni mensili di Seasonalgo ma che fino a questo momento non ci ha visti protagonisti di nessuna operazione.

Cambiamo completamente settore e passiamo al caffè che a Londra viene scambiato nella sua varietà Robusta (abbiamo visto nell’articolo deidicato ai coloniali quali sono le differenze tra le due varietà): abbiamo fatto una sola operazione su questo sottostante con lo Spread Settembre-Novembre 2015 e che è ormai diventata famosa perchè la utilizziamo per spiegare cosa intendiamo quando parliamo di manipolazione sul mercato dello Spread Trading. Nulla di grave per carità, alla fine la pagnotta l’abbiamo comunque portata a casa ma se qualcuno ha ancora dei dubbi relativi al fatto che le mani fotti agiscano anche nello Spread Trading lo invito a leggersi l’articolo. Ricordo quel 18 Agosto come fosse ieri: la foto dell’andamento delle varie scadenze quel giorno parla chiaro.

Ultimo sottostante che vediamo è quello relativo allo Zucchero Bianco: di questo vi faccio vedere uno spread che stiamo seguendo proprio in questi giorni e che prevede in acquisto il contratto di Agosto ed in vendita quello di Ottobre 2016: sembra molto ben impostato secondo i nostri canoni e non escludiamo la possibilità di entrare nei prossimi giorni

Spread-Zucchero-Bianco

Non abbiamo ancora esperienza diretta su questo sottostante, sarebbe la prima operazione. Vediamo come si mette, vi terremo sicuramente aggiornati.

Questi sono i sottostanti che possiamo usare nello Spread Trading e che sono quotati sulla borsa di Londra: onestamente non ne ho ancora sentito parlare in giro quindi queste sono informazioni molto preziose perchè ci aprono a nuove possibilità.

La borsa di Londra è anche famosa anche per i metalli, ma per la nostra operatività non ci interessano.

Alla prossima!

Buon Profitto a tutti.

Luca

Il Manuale Del Trader Idiota


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 62
  •  
  •  
  •  
  •  
    62
    Shares