•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 53
  •  
  •  
  •  
  •  
    53
    Shares

Un aspetto su cui c’è un po’ di confusione nello Spread Trading è quello relativo allo Stop loss.

Quando vengono presentati i corsi di Spread Trading la maggior parte fa leva sul fatto che è un’operatività rilassante, gestibile con i propri tempi e per cui bastano pochi minuti al giorno per fare schei.

Sono d’accordo con quasi tutte queste caratteristiche, con una sola precisazione: che bisogna arrivarci a quei livelli. Non è che studi il corso, inizi ad operare e con 5 minuti al giorno te la cavi. Dopo tanto studio ed esperienza ci arrivi, sicuramente. E a quel punto sì che godi dei fantastici benefici dello Spread Trading.

Fatta questa premessa che sentivo di fare visto quello che leggo in giro oggi voglio parlarvi di un altro aspetto dello Spread Trading su cui c’è un po’ di confusione, vale a dire lo Stop Loss. E vorrei parlarne da due diversi punti di vista: che tipo di stop usare e la domanda da un milione di Dollari e cioè, lo stop loss va in macchina oppure no?

Partiamo dalla prima, e cioè che tipo di Stop Loss usare. Le scuole di pensiero principali sono due: chi utilizza lo stop in denaro e chi utilizza uno stop tecnico. Dipende dalla strategia che si decide di utilizzare: se si propende per uno stop in denaro su cosa ci si basa? In genere sul margine oppure sul movimento medio del sottostante. Spieghiamoci meglio.

Il margine come sappiamo è il capitale che il broker ci blocca a garanzia nel momento in cui decidiamo di entrare in posizione (operando sui contratti futures lavoriamo a leva, quindi è normale) ed è stabilito in primis dalle borse in base alla pericolosità dello Spread. Può variare da giorno a giorno e da settimana a settimana. Essendo un’indicazione della pericolosità dell’operazione alcuni lo prendono come riferimento per lo Stop Loss, che viene calcolato come una frazione più o meno grande del margine.

È una strategia utilizzata da diverse scuole di pensiero e noi, anche se utilizziamo prevalentemente stop tecnici, a volte ne teniamo conto, per esempio quando dobbiamo impostare uno stop in denaro perchè lo Spread si trova sui massimi o sui minimi di quell’anno.

Il secondo tipo di Stop Loss nello Spread Trading, che è quello che utilizziamo maggiormente anche noi, è quello tecnico.

Individuare livelli importanti, che hanno rappresentato nei giorni o settimane precedenti un supporto o una resistenza, è un buon modo per stabilire dove uscire nel caso in cui l’operazione ci si giri contro. Anche nell’operazione sul Mais che abbiamo seguito insieme abbiamo fatto un ragionamento ipotizzando di mettere uno stop tecnico sopra il massimo formatosi il mese precedente.

Quale tecnica è migliore delle due? La risposta è: dipende dalla strategia.

Dall’entità della perdita massima dipende anche il numero di contratti con cui si entra in posizione, in base al proprio Money Management e quindi è un aspetto fondamentale. Io posso dirvi che l’esperienza ci ha portato a valutare la situazione caso per caso non utilizzando una regola assoluta, ma sempre propendendo di più per lo stop loss tecnico.

Il secondo aspetto che vorrei analizzare oggi è quella che ho chiamato la domanda da un milione di Dollari e cioè: lo Stop Loss nello Spread Trading va in macchina oppure no?

E anche qui, diverse scuole di pensiero. C’è chi dice che non si entra in posizione senza aver impostato lo stop e c’è chi dice che lo stop non va messo in macchina perchè le oscillazioni in intraday dello Spread ce lo prenderebbero sicuramente. Sono vere tutte e due queste affermazioni e anche qui a nostro avviso dipende tutto dalla strategia e da come si affronta il Trading.

È vero che le oscillazioni in intraday possono prenderti lo stop per poi magari vedere partire la tua operazione nella direzione che avevi tanto sperato (a noi per esempio è successo con lo zucchero che ci ha preso lo Stop Profit). Ma è anche vero d’altro canto che se non lo metti rischi di perdere più di quanto avevi preventivato perchè l’andamento reale dello Spread è quello che vedi la sera in chiusura e non quello durante il giorno.

Quindi la risposta alla domanda da un milione di Dollari qual’è? Semplicemente non c’è!

Vuoi sentirti più sicuro anche a costo di rischiare di vederti preso lo stop e poi vedere andare la tua operazione? Metti lo stop in macchina.

Preferisci aspettare la sera o la chiusura anche a costo di rischiare di perdere qualcosa in più rispetto a quello che avevi preventivato? Non mettere lo stop in macchina.

Una cosa è certa, qualsiasi strategia decidi di usare non ti dimenticare mai della disciplina: se il tuo Spread ti va in zona stop, chiudi senza pensarci troppo e passa alla prossima operazione.

Questo, alla lunga, è quello che fa la differenza. Più della strategia.

Bene amici, quello di oggi è stato un post un po’ lungo ma assolutamente necessario perchè sull’argomento Stop Loss nello Spread Trading c’è un po’ di confusione. Anche perchè, come abbiamo visto, ci sono diverse possibilità.

Buon Profitto a tutti e alla prossima!

Luca

Il Manuale Del Trader Idiota


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 53
  •  
  •  
  •  
  •  
    53
    Shares