•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Stamattina ho davvero cominciato bene la giornata di trading. Nel post precedente, vi ho spiegato bene come prendere profitto con la volatilità e le bande di bollinger. Adesso, vi spiego bene come sono riuscito ad anticipare uno spyke al ribasso sulla coppia di turno. Naturalmente, non ho la sfera di scristallo, nè ho tirato ad indovinare, o, come fanno in molti, mi sono affidato alla dea bendata. Semplicemente, ho delle regole e le rispetto scrupolosamente. Guarda il grafico a 4 ore di USD-JPY.

SC20131025-062233

Nel riquadro color ciclamino ci trovate un trading range, che andava avanti da ieri mattina. Tale situazione lascia presupporre che la rottura sarà decisa. Non conosciamo, però, in che direzione avverrà il movimento. Qui si va per tentativi (come sempre del resto), e per avere la statistica a favore è bene utilizzare due regole ferree: 1) stop loss strettissimo, male che vada chiudo con una piccola perdita; 2) pattern di Paolo Serafini, abbinato ad un rimbalzo sulla media centrale, in genere preferisco il calicetto.

Guardate il grafico a 15 minuti, sempre della stessa coppia di valute.

SC20131025-062542

L’ingresso è avvenuto sul calicetto inverso che ho cerchiato in verde. Qui il prezzo inizialmente scende verso i minimi della sessione precedente. Poi risale, evidentemente per andare a caccia degli stop loss, posizionati da chi è andato al ribasso sul movimento precedente. Poi, dopo aver toccato la zona delle medie centrali, riscende dando vita al timone del calicetto. Sono entrato proprio sulla rottura del minimo di questa barra (ancora meglio se fosse stata di inversione). Il movimento è stato veloce, e ho chiuso 3/4 della posizione dopo 20 punti di gain. Il resto, l’ho messo in pari e chiuso poi successivamente con gestione dinamica su un grafico a 15 minuti.

Spero di essere stato chiaro. Se avete domande, sono qui.

Sebastiano.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •