•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La sfiga nel trading è sempre dietro l’angolo, bisogna tentare di non perdere mai la concentrazione ed evitare di arrabbiarsi quando, come è capitato a me oggi, una bella operazione di trading ti va in stop per pochi tick, e poi dopo essere uscito in stop, il classico dei classici ossia l’operazione va nel verso giusto.

E scatta la classica frase: “se fossi restato dentro”? Ma come detto 1.000 volte col senno di poi siamo tutti professionisti, bisogna imparare a ragionare che quando si pensa di costruire un’operazione, la prima cosa da fare è fissare il tuo stop e se ti viene preso punto, l’operazione è chiusa, sia che ti venga preso per un tick o per 100 tick, sia che ti venga preso dopo pochi secondi o dopo un’ora, se il tuo stop è stato preso quello che succede dopo non ti interessa più.

Certo che però l’amaro in bocca resta sempre quando sbagli il timing di ingresso in un’operazione per pochi tick. Grafico di Generali a 15 minuti:

 

generali

 

Il titolo praticamente dal giorno 23, giorno dello stacco dividendi è salito ininterrottamente, anche in modo abbastanza tirato come si può ben notare dal grafico a 15 minuti, senza mai un ritracciamento degno di nota. Così stamattina, quando il titolo ha formato quel piccolo doppio max sui livelli di max precedenti ho aperto un corto sul titolo, avendo come obiettivo almeno la chiusura del piccolo gap lasciato aperto in apertura. Ripeto il titolo era troppo tirato, una correzione ci stava tutta. Il difficile è appunto trovare un giusto timing di ingresso.

Guardando poi l’evoluzione dell’operatività il timing di ingresso era stato perfetto, ma è stata la gestione dell’operazione completamente sbagliata: difatti sono entrato short con 1.000 azioni a 13.26, appena sotto quel piccolo doppio max indicato dalla freccia rossa, ma per mio ragionamento sbagliato ho stoppato subito alla rottura rialzista del doppio max perché vedendo il titolo leggermente più forte del mercato avevo paura che mi esplodesse di nuovo al rialzo. Ma come già detto era veramente troppo tirato questo titolo e una correzione era più che salutare.

L’operatività giusta in operazioni di questo tipo, visto che prendere il tick o i tick perfetti è impossibile, era quella di costruire una specie di PAC (piani di accumulo), cioè entrare con piccoli dosi sui livelli chiave per costruire appunto una posizione corta perché prima o poi il titolo doveva venire giù. Ed il primo livello chiave era quello di stamattina indicato dalla freccia rossa, sinceramente queste non sono le operazioni che prediligo, preferisco lavorare nell’ intraday e con stop stretti e rigidi però ho voluto provare stamattina perché secondo me l’opportunità per un bel short ci stava tutta.

Entrato a 13.26 e stoppato a 13.31, poi il titolo fa i nuovi max a 13.34 e da questi livelli inizia il ritracciamento che mi va poi proprio a chiudere il gap lasciato aperto in apertura. Non sono più rientrato poi perché stavo guardando altri grafici e l’operazione ormai era scappata via.

Peccato davvero perché rivedendola adesso l’idea dell’operazione era giusta.

Matteo

Il Manuale Del Trader Idiota


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •