•  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  • 142
  •  
  •  
  •  
  •  
    143
    Shares

Il bello del mercato delle Criptovalute è l’operatività 24/7, in pratica è l’incarnazione perfetta del motto “il denaro non dorme mai”.

Beh, per solidarietà non ho dormito nemmeno io perchè nel secondo volo, quello interminabile che da Istanbul ci ha portati a destinazione, tre bambini hanno deciso di piangere a intermittenza. Presi singolarmente sono stati tutti e tre degli angioletti, ma assieme hanno fatto un concerto che non ti raccomando.

Ad ogni modo stamattina siamo atterrati (forse era pomeriggio o magari anche sera, devo confessare che ho un pò di confusione) e ho chiuso altre operazioni. Beh sì, in verità, fin dalla partenza di Bologna mi sono dilettato.

Oggi e ieri è stato il giorno di ENJ, ma ero fuori dal mercato e raramente entro su un movimento così energico se già iniziato. Avrei fatto oltre il 60% di profitto, ma su quale base? Potevo davvero aspettarmi che il mercato salisse così tanto? ENJ ha registrato punte oltre +150% in merito ad una voce sulla collaborazione con il Wallet integrato sull’ultimo modello di Smartphone della Samsung, il S10.

Attento, non sto dicendo che fare operazioni su ENJ fosse sbagliato, ma nella mia condizione di passaggio da un volo all’altro, con tante ore di isolamento e senza sapere quando avrei avuto di nuovo accesso ad una buona connessione internet…beh, ho preferito lasciare stare. Poteva essere un’ottima occasione di scalping, ma non ero io nella condizione di “scalpare”.

Diciamo che mi sono solo focalizzato su altre operazioni, come IOST, IOTA e XRP!

Partiamo con la prima: IOST. Questa l’ho comprata il 24 notte. Ormai ho l’abitudine, poco prima di lavarmi i denti, di controllare il mercato e impostare degli ordini per la notte. IOST in quel momento aveva alcune peculiarità particolarmente ghiotte che l’hanno resa ancora più appetibile dei rimbalzi operati con i volumi di compensazione.

Vuoi sapere di cosa parlo? Beh, aveva un livello di trading non congruente al resto del mercato e uno storico che dunque presupponeva una sua risalita abbastanza veemente. Te lo dico onestamente: non mi aspettavo di trovarlo a livello 210 già la mattina successiva, ma mentre mi mangiavo la mia Budwig, ho venduto e incassato in pieno stile CEPAC.

trading criptovalute

Mentre mangiavo, prima vendita a 207 e seconda vendita a 201 perchè il mercato aveva beccato un rospo, stava scendendo e io stavo uscendo di casa. Quindi meglio portare a casa il profitto e non pensarci più!

Le operazioni su IOTA e XRP le ho fatte dall’aeroporto di Bologna. Mentre aspettavo che mi comunicassero dove imbarcare il bagaglio, mi sono appollaiato in maniera prepotente su una panchina e ho assunto quell’espressione da trader molto concentrato, e che dalla mia esperienza è quasi uguale a quella di una donna che sta scegliendo le scarpe da comprare.

Gli acquisti su IOTA e XRP li vedi qua sotto

guadagnare con il trading sulle criptovalute

Occhio alle size. Qua sto usando 4 centesimi di Bitcoin per entrambe le operazioni. Corrispondono circa a 150$ a posizione.

Qua sotto vedi le vendite eseguite in Real Time, all’arrivo ad Istanbul. Ecco, questa è una cosa fastidiosa, perchè avevo letto che per avere un’ora di internet mi bastava fare un acquisto. Su uno dei primi banchetti mi sparo una “Spinach Pie”, ovvero una torta salata di spinaci. Pago, e chiedo: “May I have the Wi-Fi password?” Non parlavano inglese le due commesse ma quella doveva essere una risposta frequente: “7 EUROS”. Non ricordo bene, ma credo di essermi lasciato sfuggire uno ZIO CAN, dopodichè mi sono “pappato” la Spinach Pie e sono andato alla cerca di una condizione più favorevole. Vari bar proponevano un’ora di Wi-Fi gratuito purchè con un acquisto minimo. Il problema non era pagare, ma era trovare qualcuno che parlasse inglese. Uno ne ho trovato e dopo aver pagato la consumazione mi sono collegato.

Prima ancora di leggere i messaggi whatsapp, mi sono collegato a Binance per controllare le posizioni della mattina.

Ed ecco il responsoGuadagnare con il trading cripto

Poco meno del 3% su IOTA e circa il 3% su Ripple.

Zillo, tu hai degli indicatori che non ci stai rivelando!

Vedi, a volte leggo che anche i match sportivi vengono influenzati dagli indicatori di trading e questo mi fa un pò sorridere. Sorrido un pò, ma poi tendo ad assumere un’espressione più grave, perchè penso che varie persone che non sanno che pesci pigliare finiscono davvero per crederci.

Prima di propinare certe correlazioni, vanno considerati i parametri che influenzano i sottostanti.

Delle operazioni come quelle di IOST, XRP e IOTA sono state fatte prevalentemente appoggiandosi a principi di analisi fondamentale, correlazioni di mercato e una fusione fra la prima e la terza legge della dinamica. Non sto esagerando e non me la sto tirando, ma sto sviluppando un metodo molto più semplice di quello che pensi.

Forse ne parleremo prossimamente, ma ormai sono troppo gasato dal perfezionamento di questa metodica di trading perchè una volta sviluppato un pò di occhio, gli schei sono davvero alla portata di molti. Non dico di tutti perchè non voglio illuderti e se pensi che con il tocco della mia bacchetta magica anche il non disciplinato e il non dedito possano fare profitto, beh… ” ‘assa star

Ci sentiamo presto, nei prossimi giorni con una diretta nel Club, dove ti racconto cosa sto combinando in Fighistan.

Ci vediamo di là, perchè la gente che ha imparato a fare schei c’è l’abbiamo già!

guadagnare assieme

La partenza è ciò che ferma la maggior parte delle persone

Michele Zillo

Immagine di copertina presa dal sito https://www.ird.govt.nz/campaigns/2018/cryptocurrency-tax.html

  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  • 142
  •  
  •  
  •  
  •  
    143
    Shares