•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Le Criptovalute diventano sempre più tema dibattuto dai poteri centrali al fine di porre delle regole e dare la possibilità ai più di potervisi accostare senza peraltro pagarne care le conseguenze.

E’ notizia di alcuni giorni fa (Reuters) che la UE ha presentato alla BCE (Banca Centrale Europea) un documento, redatto dall’attuale presidenza finlandese, perciò passibile di modifiche, in risposta all’ambizioso progetto di Facebook di emettere la Stable Coin Lybra.

Come tutti sappiamo Lybra ha mosso le “Ire Funeste” di molti Stati, tra cui Francia e Germania in quanto viene classificata come un potenziale rischio per il settore finanziario.

Oggettivamente nonostante la squadra di Zuckerberg abbia cercato di “pensare” a tutto e di dare vita ad una creatura scevra di difetti, non hanno fatto i conti con vari fattori economici.

Probabilmente, è per questo motivo che l’UE ha rilanciato proponendo alla BCE  un programma dettagliato sulla costituzione di una Stable Coin.

Le Criptovalute stanno avanzando a passi da gigante sia sottoforma di Stable Coin che Coin vere e proprie e per questo motivo molti stati iniziano ad avere qualche timore.

LUOMONEROS POV (Point Of View)

Questa paura è presto detta: se una Stable coin si va a sostituire alla valuta fiat ecco che gli stati potrebbero perdere la sovranità monetaria, con una probabile perdita di controllo dell’inflazione.

Ma allora è giusto che la UE abbia presentato questo progetto?

A parer mio è solamente uno specchietto per le allodole e una forma di imbonimento nei confronti di chi nelle Criptovalute ripone una certa fiducia.

Mi spiego meglio

Se l’Unione Europea dovesse varare la “UECoin” (nome di fantasia ndr), appoggiata direttamente all’Euro, che cosa ci sarebbe di diverso dall’Euro in moneta?

Assolutamente nessuna, a prima vista. Ma se iniziamo a indagare bene sulle caratteristiche intrinseche delle Criptovalute, ci accorgiamo che, di differenze ce ne sono e una spicca sulle altre.

La tracciabilità

Le Criptovalute sono (tranne alcune tipo Monero) perfettamente tracciabili, e, mentre per tutte le Criptovalute in circolazione le transazioni, seppur tracciabili, sono anonime, nel progetto presentato per poterle effettuare occorre essere identificati.

Questo porta inevitabilmente ad un controllo sulle spese di ciascuno di noi in funzione dei redditi.

Però è un’arma a doppio taglio.

Da una parte le forze incaricate del controllo possono cogliere in flagranza di reato chi sta facendo il furbetto.

Per contro potrebbero anche eseguire delle analisi per cercare di ottenere una pressione fiscale equa per ciascun abitante.

Quindi tornando all’affermazione fatta nel titolo, davvero l’UE si è volta alle Criptomonete con fare “ammiccante” oppure è riuscita ad intravedere uno spiraglio per poterci tenere al guinzaglio?

Di fatto le Criptomonete, quelle vere però, le vedo come la forma principe della libertà: nessun “proprietario” nessuno che decida né cosa, né come, né perché.

Solo il mercato: la domanda e l’offerta decidono.

Pura utopia lo so, per via di tutti i meccanismi micro e macro economici, che ci legano inesorabilmente alle valute fiat.

Ma proviamo per un momento a togliere Dollari, Yen, Euro, e a ragionare tutti e dico tutti con gli Satoshi: che differenza ci sarebbe?

Che valore avrebbero?

Sarebbero solo dei semplici e impalpabili Satoshi con cui compreremmo il pane, o pagheremmo un F24 ma non in banca: dal nostro Wallet.

Dal NOSTRO WALLET, capite? La quintessenza della proprietà! Non da un conto bancario dove i nostri soldi sono dati in prestito all’istituto di credito…

Anche in questo caso, nonostante non si parli assolutamente di fisica, la fa da padrone la cara, vecchia, Teoria della Relatività!

 

Buon Cripto Satoshi saluti a tutti e a rileggerci la prossima settimana!

Chi gioca per vincere non perde mai!

Eros Luomoneros Silvagni

Amicaborsa non è a conoscenza di diritti di terzi sulle immagini utilizzate. Ci impegniamo a citare la fonte nel caso ci fossero e regolare la posizione se richiesto.

 


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •