•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

L’Helicopter Money promesso agli americani a seguito del Covid-19 e il panico seminato da questa pandemia, hanno fatto si che si delineasse all’orizzonte il progetto eThealer.

Si tratta di un dollaro digitale basato sulla versione aziendale di Ethereum: l’Hyperledger Besu.

Sebbene il disegno di legge dei democratici americani (ne parlo qui) è stato votato senza la benché minima specifica tecnica sul dollaro digitale.

La cosa fondamentale consiste nel aver recepito appieno il concetto: Un nuovo sistema monetario che può avere buone ripercussioni sulla vita degli americani.

Alcune note tecniche di questo eThaler

Basato su Hyperledger che permette uno sforzo collaborativo Open Source per far avanzare le tecnologie Blockchain, viene ospitata niente po’ po’ di meno che da:

Fondazione Linux che comprende registri in ambito finanziario, bancario, Internet of Things, Supply Chain.

L’Enterprise Ethereum Alliance ha stabilito la Token Taxonomy Framework, standard per le imprese che utilizzano Ethereum: grazie a ciò si è potuti arrivare all’Hyperledger Besu.

Successivamente ad eThaler.

Questo Token eThaler, appunto, è progettato per essere fungibile indipendentemente dalla banca centrale che potrebbe coniarlo.

Chiaramente si può considerare una “normalissima” moneta fiat appoggiata alla Blockchain.

Di conseguenza potrà essere aumentata la quantità di monete in circolazione mediante conio (Mining) da parte della banca centrale e distrutta con la procedura di Burning.

Così a prima vista potrebbe sembrare una “brutta copia” di Tether, solo che in questo caso il sottostante non è in mano ad un’azienda (in questo caso Bitfinex) ma della FED.

Ovviamente come Bitcoin ed Ethereum questo Token potrà essere suddiviso in decimali che ovviamente non potranno chiamarsi Satoshi.

Ultima caratteristica, abbastanza controversa e si può capire bene per quale motivo, sarebbe la possibilità di rendere eThaler “sospendibile” nel caso si riscontrino Bug nel Software o sia necessario un aggiornamento.

Come abbiamo potuto vedere, nonostante gli sforzi, peraltro immani, eThaler non è altro che la digitalizzazione del dollaro.

E quindi ci sono dei lati positivi reali in tutto ciò?

Certo che ci sono dei lati positivi in tutto ciò, per prima cosa la FED è al corrente di dove sono e in che quantità le monete coniate.

Ogni singola moneta può essere tracciata e quindi si riduce di molto il riciclaggio di denaro illecito.

In tutto questo, però, non si riesce a risolvere il problema dell’inflazione, infatti potendo coniare moneta senza sottostante, al momento, non si ravvisa una moneta deflattiva.

Non solo

Questi progetti inseriti in un disegno di legge, nonostante siano stralciati al momento, sono molto importanti: delineano la linea da seguire anche per le future legislazioni.

Ancora una volta abbiamo visto come questa pandemia stia portando delle

innovazioni a livello economico-sociale di una certa importanza.

Ovviamente non tutti saremo pronti per queste innovazioni e le guarderemo (non tutti) con una vena più o meno marcata di scetticismo.

Ma passerà e inizieremo a sfruttare il nuovo sistema monetario con una certa diffidenza, dapprima, fino a riporne un’estrema fiducia.

Un po’ quello che è successo con Internet:

Se non si fosse implementata e sviluppata in questo preciso istante io non potrei pubblicare il mio articolo e voi non potreste leggerlo!

Chiudo questo articolo riportando una frase di Bharathan, un ex sviluppatore di JP Morgan Chase relativamente al Covid-19 e la crisi in cui ci ha gettato:

“Questo è un passo significativo e sono certo che tali situazioni di crisi producono sempre nuove idee, le quali sopravviveranno a lungo dopo che il fuoco del Coronavirus sarà superato.”

Per l’ennesima volta la crisi non viene vista come un momento deleterio ma come una fucina di nuove idee.

 

Per questa settimana è tutto, via Auguro una Buona Cripto Pasqua a tutti

 

Chi gioca per vincere, non perde mai!

 

Eros Luomoneros Silvagni

Amicaborsa non è a conoscenza di diritti di terzi sulle immagini utilizzate. Ci impegniamo a citare la fonte nel caso ci fossero e regolare la posizione se richiesto.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •