•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Un saluto a tutti gli appassionati di trading azionario di Amica Borsa, per chi segue da un po’ la mia operatività nell’intraday sull’azionario, sa bene che la maggior parte delle mie operazioni, per non dire tutte, preferisco chiuderle a target secco, perché lavorando quasi esclusivamente contro trend  e avendo come obiettivo delle operazioni la ricopertura del precedente movimento di accelerazione rialzista o ribassista che sia, costituito appunto da barre di accelerazione, ho notato nel corso del tempo che alla lunga nell’intraday è molto più profittevole uscire con tutta la posizione una volta raggiunto il mio target di ricopertura che continuare a mantenere aperta la posizione per tentare di prendere qualcosa di più.

Tuttavia come tutti noi ben sappiamo nel trading non esiste una formula, una tecnica, un tipo di operatività che sia infallibile o che si adatti per ogni tipo di situazione grafica, bisogna cercare di lavorare sulle probabilità, nel senso che se un tipo di operatività mi permette di guadagnare in modo continuativo va bene, poi logico che gli stop anche qui ci saranno sempre basta saperli contenere. Quindi posso dire che la mia operatività di uscire a target secco per il momento funziona tuttavia a volte…

Guardate il grafico a 15 minuti di Unicredit, ieri nel pomeriggio come del resto tutto il comparto bancario è crollato, configurando proprio dopo l’apertura americana due forti barre di accelerazione ribassista, talmente forte questa accelerazione che tra una barra e l’altra si è formato un piccolo gap, evento rarissimo nell’intraday su un titolo liquido come Unicredit, dopo essersi stabilizzato sui minimi il titolo configura la solita barra di possibile inversione, quindi valutata la configurazione grafica ho ritenuto valido tentare il buy sul titolo perché erano alte le probabilità che il precedente movimento di accelerazione ribassista fosse ricoperto:

unicredit

Quindi buy a 2,97 con 4000 azioni che corrispondono a 8 euro a tick con stop sotto il minimo della mia barra di ingresso, essendo le fasi finali del mercato il titolo non ha ricoperto subito il precedente movimento di accelerazione ribassista, così ho ritenuto valido rischiare di portare la posizione overnight perché ripeto la figura era veramente bella, premetto che avevo individuato il mio target max nella ricopertura delle ultima due barre di accelerazione, indicate dalla linea gialla, quindi stamattina in apertura vedendo che in asta il titolo apriva in forte rialzo ho subito inserito nel book il mio prezzo di vendita tra l’altro subito eseguito in apertura, avendo il titolo proprio aperto su quei livelli, quindi felicissimo ho subito portato a casa 50 tick. Ottimo gain realizzato ma guardate cosa ha fatto il titolo poi, praticamente è salita ininterrottamente fino ai max precedenti, dove giustamente da questi livelli adesso che sto scrivendo sta leggermente ritracciando, incredibile davvero.

Ho chiuso subito in apertura principalmente per due motivi, a parte il fatto che avevo pienamente raggiunto il mio target, ma poi avevo anche paura che avendo aperto in forte gap a +3% potesse rimangiarsi il tutto proprio per andare a chiuderlo, invece stamattina mercato fortissimo e nessun ritracciamento, se non chiudevo subito in apertura avrei guadagnato 3 volte tanto essendo il titolo adesso a +10%. Certo non avrei probabilmente venduto sui max ma almeno su quella barra di accelerazione rialzista indicata dalla linea blu lì ci potevo arrivare.

Questa era una delle volte dove lasciar correre la posizione avrebbe pagato bene, ma del resto si sa che in borsa cercare di andare a prendere i minimi o i max è impossibile, è autodistruttivo, meglio sapersi accontentare, certo che l’amaro in bocca mi rimane, un’operazione da +10% era da incorniciare, ma la borsa è troppo forte perché è sempre così, ha sempre ragione lei, cioè anche quando guadagni non saresti mai soddisfatto perché avresti potuto guadagnare di più.

Ciao a tutti alla prossima…


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •