•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Nuovo scandalo nel sistema bancario mondiale. Stavolta l’istituto coinvolto è Wells Fargo, la terza banca degli Stati Uniti per asset gestiti, accusata di aver creato conti corrente ed altri prodotti bancari all’insaputa dei propri clienti per raggiungere degli obiettivi di vendita e di budget.

È come se un giorno ci ritrovassimo in mano con un conto corrente a nostra insaputa o con una carta di credito che non abbiamo mai richiesto perchè qualche funzionario della banca, per raggiungere gli obiettivi imposti dai suoi superiori, ci ha affibbiato. È esattamente quello che è successo con il caso Wells Fargo e che ha portato John Stumpf, presidente ed Amministratore Delegato del gruppo, a lasciare il suo incarico nella giornata di ieri.

Anche qui, non è un caso che è nato ieri. Stumpf aveva già testimoniato due volte di fronte al Congresso USA e durante questi interventi aveva sostanzialmente ammesso le colpe della banca e quelle sue, reo di non essere intervenuto prima in questa vicenda. E da Wells Fargo ci hanno tenuto a precisare che è stato lo stesso Stumpf a farsi da parte per il bene dell’istituto e che non è stato in nessun modo spinto ad andare via.

Questo in realtà cambia ben poco le carte in tavola: la reputazione del gruppo ne ha risentito e ne risentirà anche in futuro così come ci dimostra anche l’andamento del titolo che in borsa nell’ultimo mese e mezzo è arrivato a perdere quasi il 15%.

Siamo abituati ormai a leggere questo genere di notizie: è successo ultimamente per Deutsche Bank (ne abbiamo parlato in due diverse occasioni, in questo post ed in quest’altro), accusata di illeciti durante la crisi del 2008 e che sta negoziando una multa con il governo USA, e succederà probabilmente in futuro con altri istituti con altri illeciti che prima o poi verranno a galla.

È una dimostrazione ulteriore di quello che diciamo sempre relativamente al Trading Online: quello della finanza è un mondo marcio, e non solo sui mercati.

E dire che Wells Fargo era stata una delle banche che erano uscite più “pulite” dalla crisi del 2008. Per poi scoprire però che sono stati creati quasi due milioni tra conti corrente e carte di credito fantasma.

Il lavoro di Stumpf in questi anni ha portato Wells Fargo ad essere una delle maggiori banche di tutti gli Stati Uniti e ad essere soprattutto il più grande erogatore di mutui americano con una forza lavoro di circa 268.000 dipendenti. Ieri però è arrivata l’ufficialità della rinuncia all’incarico che non prevede, tra le altre cose, alcuna buonuscita.

L’amministratore delegato aveva già comunicato in precedenza di voler rinunciare ai 41 milioni di dollari che gli sarebbero spettati per il lavoro svolto in questi anni: ieri ne è arrivata la conferma.

Abbiamo raccontato un’altra storia relativa ad un sistema (quello bancario) che a quanto pare sembra non finire mai di stupirci. In negativo però.

Questione di tempo e ci ritroveremo qui a raccontarne qualcun’altra.

Buon Trading a tutti

Manuale Pratico Del Trader Sportivo, Betfair, Trading, Matckbook, Scommesse, Betting, Guadagnare Soldi Online, Scommesse Sportive, Calcio, Tennis, Basket,


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •